Fca annuncia rilancio Maserati, plauso di Spera (Ugl).

0
469
Babazar.it le grandi marche abbigliamento donna con il 60% di sconto

Vetture sportive ad alte prestazioni, caratterizzate da un elevato contenuto tecnologico. Saranno questi i modelli che vedremo uscire nei prossimi anni dallo stabilimento di Maserati di Modena. A confermarlo il CEO della casa del Tridente, Harald J. Wester che ha ribadito il ruolo centrale dell’impianto produttivo di Via Ciro Menotti.

Le nuove vetture che usciranno dallo stabilimento Maserati saranno dunque in linea con la tradizione e i valori del Marchio, presente a Modena dal lontano 1939. In autunno è previsto l’inizio dei lavori di aggiornamento delle attuali linee di produzione che verranno totalmente rinnovate: nel primo semestre del prossimo anno saranno realizzate le prime vetture preserie di un nuovo modello a marchio Maserati. Sarà così assicurata la continuità produttiva, esaltando al massimo il “know-how” e l’esperienza acquisita negli anni dagli addetti alla produzione delle vetture griffate Maserati.

“Consideriamo importante l’annuncio dei vertici del Gruppo Fca in merito all’avvio dei lavori nel sito storico della Maserati, che entro fine anno avranno inizio per la produzione di una vettura sportiva di alta gamma”.

Lo dichiara il segretario generale Ugl Metalmeccanici, Antonio Spera, spiegando come “in questo modo si sta dando seguito agli investimenti contenuti nella presentazione del piano industriale, avvenuta a fine novembre, per il lancio dei nuovi modelli e restyling. È un momento complesso nel settore dell’automotive – sottolinea Spera – per questo è importante, e lo dico con soddisfazione, che FCA sta dimostrando di mantenere gli impegni assunti per gli stabilimenti e quindi a vantaggio dei lavoratori. Come organizzazione sindacale firmataria del CCSL abbiamo chiesto un incontro di settore per la meccanica e nello specifico dei tre stabilimenti in cui si producono i motori, Pratola Serra, Termoli e Cento, per avere certezza sui nuovi prodotti e sulla tempistica degli investimenti. Intanto il 21 e 22 febbraio a Torino – conclude Spera – continuerà il confronto per il rinnovo del CCSL 2019/2022, le distanze sono ancora diverse ma ci impegneremo per un buon esito della trattativa nell’interesse dei lavoratori e del Gruppo”.

LASCIA UN COMMENTO