Frutta e verdura in via di deterioramento e scaffali vuoti. Cia Campania lanca l’allarme sul blocco dei trasporti per lo sciopero dei camionisti.

197
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin

Il presidente di Cia Campania Alessandro Mastrocinque affianca la tesi sostenuta in conferenza stampa a Roma dal presidente Nazionale di Cia Agricoltura Dino Scanavino, che questa mattina ha denunciato la grave congiuntura economica per il comparto agricolo e agroalimentare, dettata dalla peste suina, l’aumento delle materie prime, le lavorazioni sottocosto della zootecnia da latte, la crisi dei trasporti e in ultimo le gravi ripercussioni dell’applicazione delle sanzioni alla Russia, con il blocco dell’import- export.

“Cia Campania aderisce convintamente alla manifestazione del 28 febbraio a Rossiglione in
Liguria, per fare quadrato con le istituzioni nazionali e regionali, e individuare una soluzione
congiunta per alleggerire la pressione economica e fiscale delle aziende, e mitigare i gravi rischi a cui il comparto agroalimentare è esposto” ha spiegato Mastrocinque.

“Dalla peste suina, soprattutto in Liguria e Lombardia, -che potrebbe compromettere l’intero
comparto produttivo già segnato dal mercato sottocosto-, al fermo degli autotrasportatori in protesta per l’impennata dei carburanti, non possiamo non registrare importanti preoccupazioni, per imprese e consumatori. Gli aumenti delle materie prime, carburanti, concimi, plastiche e ferro originano una tempesta perfetta che necessita soluzioni straordinarie. La crisi del fresco, con la frutta e la verdura che si stanno deteriorando e gli scaffali dei supermercati vuoti, rischia di non far rispettare i contratti con la grande distribuzione. Comprendiamo le ragioni che hanno prodotto questo stato di cose, ma ci troviamo a subire anche le conseguenze delle sanzioni applicate alla Russia, che
avranno grosse perdite sull’importazione di mais, grano e semi oleosi. Ma soprattutto sull’export del nostro agroalimentare. Manifesteremo in Liguria per portare avanti le giuste rivendicazioni” conclude.

Advertisements