Intervista al Per. Ind. Massimo Pannullo, CTO di MPS Engineering: l’automazione e la robotica alla base del successo dell’industria 4.0

MPS Engineering AGV Maximum
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

MPS Engineering, azienda salernitana leader nelle soluzioni di automazione e robotica per l’industria, ha recentemente celebrato un traguardo significativo: il passaggio da SRL a SPA. Questo cambiamento societario riflette non solo la crescita e la solidità dell’azienda, ma anche il suo impegno costante nell’innovazione tecnologica. Abbiamo intervistato il Per. Ind. Massimo Pannullo, CTO di MPS Engineering, per discutere del recente successo dell’azienda e delle sue soluzioni rivoluzionarie nel campo dello stoccaggio e della movimentazione delle merci.

Giornalista: buongiorno e congratulazioni per il recente cambio societario da SRL a SPA. Cosa rappresenta questo traguardo per MPS Engineering?

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Massimo Pannullo: Grazie. Il passaggio da SRL a SPA è un momento cruciale per MPS Engineering. Questo cambiamento non solo riflette la nostra crescita e stabilità finanziaria, ma ci consente anche di accedere a nuove opportunità di mercato e investimenti. È una conferma della fiducia che i nostri clienti e partner ripongono in noi e nelle nostre soluzioni tecnologiche. Siamo ora meglio posizionati per espandere le nostre operazioni sia in Italia che all’estero.

Giornalista: MPS Engineering ha ottenuto un grande successo con le soluzioni di stoccaggio intensivo delle merci, in particolare con il sistema Maxraptor. Può spiegarci come funziona questo sistema?

Maxraptor è un sistema di stoccaggio intensivo semi automatico che effettua movimentazioni su binari all’interno di scaffali di stoccaggioMassimo Pannullo: Il sistema Maxraptor è una soluzione di stoccaggio intensivo semi-automatica che utilizza veicoli su binari per movimentare pallet all’interno di scaffalature di stoccaggio. Questo sistema consente di ottimizzare lo spazio disponibile nel magazzino e migliorare l’efficienza delle operazioni di deposito e prelievo delle merci. Grazie alla sua flessibilità e affidabilità, Maxraptor è diventato molto popolare tra i nostri clienti sia in Italia che all’estero.
Maxraptor rappresenta un sistema integrato con i nostri “Magazzini Automatici” che sono infrastrutture di stoccaggio delle merci composti da sistemi di movimentazione a più torri di impilaggio, serviti da elevatori fissi o trasloelevatori e navette automatiche (su rotaia o per funzionamento su pavimenti industriali) o rulliere per il trasporto delle UDC. Per fare un riferimento che tutti possono capire i “magazzini automatici” vengono utilizzati dalle aziende come Amazon ma anche da aziende più piccole per lo stoccaggio e la movimentazione di qualsiasi tipologia di merce, sia sotto forma di pallet che inserite in cassetti come ad esempio i sistemi realizzati per le farmacie. In un mondo veloce e complesso come il nostro poter sfruttare al massimo gli spazi e velocizzare al massimo le operazioni di carico/scarico delle merci, automatizzando questi processi, è diventata una priorità per le industrie che vogliono essere competitive e performanti.

Giornalista: Oltre al Maxraptor, MPS Engineering offre anche soluzioni avanzate di movimentazione e trasporto autonomo, inclusi AGV e AMR. Quali sono i vantaggi di questi veicoli autonomi nel settore della logistica?

agv mps engineeringMassimo Pannullo: Gli AGV (Automated Guided Vehicles) e gli AMR (Autonomous Mobile Robots) rappresentano una svolta nel settore della logistica. Gli AGV, con la loro capacità di navigare lungo percorsi predefiniti utilizzando segnali magnetici, offrono un’opzione affidabile per il trasporto interno dei materiali in ambienti di lavoro ben strutturati e prevedibili. Possono essere programmati per svolgere diverse attività di movimentazione, come il trasporto di merci e la distribuzione degli stock.

Gli AMR, invece, sono progettati per operare in ambienti più dinamici e meno strutturati. Grazie alla loro capacità di navigare autonomamente e adattarsi ai cambiamenti nell’ambiente circostante, offrono una maggiore flessibilità e versatilità. Entrambi questi sistemi migliorano l’efficienza operativa e la produttività, riducendo i costi e i tempi di inattività.

Giornalista: Quali sono i piani futuri di MPS Engineering dopo aver raggiunto questi importanti traguardi?

Massimo Pannullo: Continueremo a investire in ricerca e sviluppo per innovare ulteriormente le nostre soluzioni di automazione e robotica. Vogliamo espandere la nostra presenza nei mercati internazionali e consolidare la nostra posizione di leader nel settore. Inoltre, stiamo esplorando nuove tecnologie, come l’intelligenza artificiale e l’Internet delle cose (IoT), per integrare ulteriormente i nostri sistemi e offrire soluzioni ancora più avanzate ai nostri clienti.

Giornalista: Grazie per il suo tempo e auguri per il futuro di MPS Engineering.

Massimo Pannullo: Grazie a lei. Siamo entusiasti delle prospettive future e continueremo a lavorare sodo per offrire le migliori soluzioni di automazione e robotica ai nostri clienti.

Per maggiori informazioni su MPS Engineering visitate il sito web www.mpsengineering.it