Pozzuoli, il bradisismo complica le procedure per la revoca degli sgomberi

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Il Presidente dell’Associazione Tecnici e Costruttori, Rossano Ricciardi esprime grande preoccupazione a seguito delle complesse procedure messe in campo dal Comune di Pozzuoli per rispondere alle ordinanze sindacali di sgombero, emanate dopo l’ultimo sciame sismico dello scorso 20 Maggio.

<<Da poche ore sul sito istituzionale del Comune di Pozzuoli è comparso una sorta di vademecum per rispondere alle ordinanze di sgombero: un farraginoso procedimento amministrativo, esempio mirabile di tecno-burocrazia creativa>>.

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

A esprimere il suo stupore è Rossano Ricciardi che ha ricevuto la segnalazione da numerosi iscritti all’Associazione da lui presieduta, che si sono imbattuti in questo incubo.

<<Voglio innanzitutto esprimere la mia solidarietà per questi sfortunati cittadini che al danno del terremoto e di uno sgombero cautelativo, si aggiunge la beffa nel vedersi costretti a produrre una valanga di documenti, oltre al doveroso e consueto Certificato di Cessato Pericolo prodotto da un tecnico abilitato>>.

Un altro terremoto che si abbatte sui cittadini e complica il lavoro di tecnici ed imprese che sono al lavoro da giorni nell’intento di far rientrare in sicurezza, nelle proprie case, le famiglie sgomberate.

<<Abbiamo notizia di una percentuale altissima di sgomberi cautelativi che poggiano su analisi che si sono rivelate del tutto errate, con il risultato che tante famiglie sono fuori dalle loro case inutilmente e dopo questa “complicazione amministrativa” chissà quando potranno ritornarvi. Mi chiedo – aggiunge Ricciardi – come sia possibile che temi così importanti siano trattati senza alcuna condivisione? Come farà il Comune di Pozzuoli dopo aver appesantito burocraticamente tutti i procedimenti in corso, a sostenere le spese di tante famiglie fuori casa? Ed ancora se in una condizione come questa ancora tranquilla il Comune si è gravato da solo di tanta      burocrazia, come riuscirà ad affrontare situazioni quando potrebbero esserci veri danni al patrimonio immobiliare privato? >>.

Ricciardi fa appello innanzitutto al Sindaco Luigi Manzoni chiedendogli di istituire un tavolo tecnico tra ordini professionali ed associazioni di categoria.
<<Contatterò immediatamente il Sindaco Manzoni ed i vertici della Protezione Civile Nazionale e Regionale per portare il contributo mio e dei tanti iscritti all’Associazione, che hanno competenze specifiche proprio per gli interventi da attuare, in una vicenda che ha assunto risvolti surreali>>.

Il Presidente chiude il Comunicato con un appello al Governo ed alla possibilità, già annunciata, di finanziare interventi di miglioramento ed adeguamento sismici degli edifici privati.

<<Occorrerà, nel caso ciò avvenga, che siano ben valutate le modalità di intervento e di spesa e siano individuati attori e procedimenti attuativi, questo per evitare che le risorse vadano inutilmente sperperate>>.

link del comune dove è stata pubblicata la contorta procedura per la revoca delle ordinanze:  http://www.sportello.comune.pozzuoli.na.it/sue/