Sella: al via il programma internazionale di accelerazione per startup del settore agritech.

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

È stato presentato a Napoli il programma internazionale di accelerazione “AG 4 Future Food”, promosso dal gruppo Sella e realizzato dal proprio Venture Incubator dpixel, che ha l’obiettivo di individuare e sostenere startup in grado di sviluppare soluzioni e tecnologie innovative, economicamente sostenibili, accessibili ed efficienti nell’ambito della filiera agroalimentare.

Il programma “AG 4 Future Food” si propone di identificare i migliori team portatori di innovazioni e tecnologie particolarmente attente all’impatto ambientale, che forniranno gli strumenti più appropriati per affrontare le sfide che ci attendono nei prossimi decenni: crescita della popolazione, cambiamenti climatici, diversificazione nel consumo di cibo pro capite, spreco alimentare, inefficienza ecologica, denutrizione e scarsità delle risorse naturali. I principali ambiti di intervento dell’iniziativa sono le biotecnologie applicate all’agricoltura, automazione e robotica, gestione di dati e logistica, alimenti innovativi.

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

La sfida
Scopo del programma è individuare e supportare la crescita di startup che offrano soluzioni disruptive in ambito agricolo e alimentare in grado, ad esempio, di ridurre i costi, minimizzare l’impatto e la complessità della industry e creare nuove regole di mercato e di business. L’iniziativa interviene così sull’intera catena alimentare del futuro rendendola più sostenibile, accessibile, efficiente, resiliente al cambiamento e, in particolare, al “climate change”.

I destinatari
“AG 4 Future Food” è rivolto a startup nazionali e internazionali in grado di realizzare soluzioni altamente innovative sul mercato agrifood. Tra i requisiti richiesti alle startup figurano un core team definito, una chiara value proposition, un prototipo pronto per il lancio sul mercato entro 6-10 mesi e un livello di maturità tecnologica TRL (Technology Readiness Level) maggiore o uguale a 6.

Le fasi e l’investimento
L’iniziativa, suddivisa in 4 fasi, si articolerà in un arco temporale di 6 mesi: una prima fase di scouting durante la quale verrà effettuata una selezione delle migliori startup, cui seguirà un secondo momento di business acceleration per supportarne il business plan e individuare le 10 migliori realtà. Ci sarà poi la fase di validazione tecnica dei prodotti e delle soluzioni per le 5 startup finaliste – che riceveranno un investimento di 100.000 euro ciascuna – prima di passare al “matchmaking” che prevede la possibilità di integrare le innovazioni sviluppate all’interno dei processi di aziende consolidate operanti nel settore.

 

I partner
dpixel, Venture Incubator del gruppo Sella operante da oltre 10 anni nel mercato europeo e con oltre 36 milioni di euro di investimenti generati, è l’Accelerator Partner dell’iniziativa, con il compito di gestire tutta la progettazione, la realizzazione e gli investimenti dell’iniziativa. Le startup selezionate beneficeranno per oltre 16 settimane del supporto dei suoi mentor e di quello di un network esclusivo di partner globali, partner di ecosistema, partner tecnici e partner industriali tra i quali Besana, Gruppo D’Amico, La Doria e Pastificio Di Martino.

“AG 4 Future Food” è il terzo programma internazionale di accelerazione realizzato da dpixel – dopo “Retail 4 the Future”, dedicato a individuare e far collaborare startup e corporate per innovare il settore del commercio, e il “Metaverse 4 Finance” accelerator rivolto al mondo della finanza applicata al Web3 – e rientra nel piano triennale del venture incubator del gruppo Sella caratterizzato da una dotazione complessiva di 3 milioni di euro da investire in startup.