#SIOS22: Unobravo è la startup dell’anno.

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Si è appena conclusa la prima giornata della 7aedizione dello StartupItalia Open Summit, una edizione che quest’anno ha toccato diverse città italiane – da Cagliari a Firenze, passando per Giffoni e Catania – per concludersi a Milano con l’evento più importante dell’anno: SIOS22 Winter Edition in collaborazione con Università Bocconi e per la prima volta in due giornate di evento, il 12 e 13 dicembre. Vincitrice del prestigioso premio di StartupItalia “Startup Of The Year”  è stata Unobravo scelta tra una short list delle top 10 selezionate a loro volta, selezionate tra le 100 startup italiane individuate nel corso dell’anno da StartupItalia, grazie alla raccolta di informazioni su round, novità e annunci.

“Siamo felici della vittoria di Unobravo già vincitrice del premio community a SIOS20. Una startup che racchiude tre concetti importanti: l’importanza di abbattere lo stigma sui temi di salute mentale e dare il proprio contributo alla sostenibilità sociale, la perseveranza e l’orgoglio di fare impresa al Sud e di farlo grazie a Danila, una  founder donna, purtroppo ancora troppo poche, che è riuscita a dare lavoro a oltre 2400 persone per il 93% donne” afferma Dario Scacchetti – Amministratore Delegato di StartupItalia.
“Unobravo è stata scelta tra una shortlist di 10 startup finaliste decretate dalla redazione di StartupItalia e che rappresentano esempi virtuosi dell’ecosistema dell’innovazione italiana che quest’anno vede il 2022 chiudere con un netto +68% – rispetto al 2021 – che porta il totale degli investimenti a 2 miliardi e 340 milioni. Una cifra che rappresenta il risultato di 192 operazioni che hanno coinvolto startup italiane, in crescita del 16,3% rispetto alle 165 del 2021.”

 

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

“Sono davvero incredula, solo due anni fa guardavo il Sios di StartupItalia con ammirazione verso le startup finaliste e vincitrici, pensando fosse un traguardo irraggiungibile. Mi sento molto onorata di ricevere questo premio e vorrei dedicarlo a tutto il mio team, perchè far crescere un’azienda e dare un servizio di qualità è un gioco di squadra” commenta Danila De Stefano, CEO & Founder di Unobravo.

Unobravo nasce da Danila De Stefano, Psicologa e imprenditrice, classe 1992, che mentre si trovava nel Regno Unito nel 2019 fonda e lancia il servizio di psicologia online, che inizialmente era dedicato a tutte le persone che vivono e lavorano lontano dal proprio paese d’origine. Unobravo è una startup composta da professionisti uniti da un comune obiettivo: promuovere l’importanza della salute mentale con un servizio all’avanguardia, accessibile e accogliente. Lavorano tutti in remoto permettendo di collaborare con i migliori talenti garantendo il miglior servizio possibile. Nel 2022 ha annunciato di aver completato un round di investimento da 17 milioni, guidato da Insight Partners, società di venture capital e private equity con sede a New York

Le altre 9 startup finaliste

La giuria ha votato scegliendo tra le 10 finaliste, a loro volta, selezionate tra le 100 startup italiane individuate nel corso dell’anno da StartupItalia, grazie alla raccolta di informazioni su round, novità e annunci.

Casavo è una compagnia proptech fondata nel 2017 da Giorgio Tinacci, CEO della società, a Milano e il cui modello aziendale si basa sull’instant buying, ossia la valutazione in tempo reale del valore di una casa attraverso uno speciale algoritmo. La raccolta di capitale della startup ha toccato i 400 milioni di euro.

Cortilia è una società attiva nel comparto della spesa online a filiera corta fondata da Antonio Perini nel 2011, a Cassina de’ Pecchi, e il cui attuale CEO è Marco Porcaro. Nel 2022 ottiene la certificazione B-Corp con un aumento di capitale di 20 milioni di euro.

DoveVivo è una startup immobiliare fondata da Valerio Fonseca, attuale CEO, e William Maggio nel 2007 a Milano. Gestisce oltre 2.500 proprietà, per circa 13mila unità abitative complessive, grazie a una piattaforma per il coliving.

Euclidea è una società fintech fondata a Milano nel 2015 e attualmente guidata da Stefano Rossi, CEO, Giovanni Folgori, CIO, e Luca Valaguzza, CMO. In quanto società di intermediazione mobiliare, è in grado di valutare e analizzare oltre 140mila tra fondi e Etf, ossia i fondi scambiati in borsa.

Medical Microinstruments è un’azienda medica specializzata in robotica fondata nel 2015 a Pisa, la cui mission è migliorare i risultati clinici dei pazienti sottoposti a interventi di microchirurgia. Guidata dal CEO, Mark Toland, la startup punta ad espandersi negli USA dopo aver ottenuto il marchio CE e l’approvazione della Food and Drug Administration per compiere una ricerca clinica della propria tecnologia.

Satispay è una società fintech fondata a Milano nel 2013 da Alberto DalmassoSamuele Pinta e Dario Brignone. La startup offre la possibilità di eliminare gli intermediari bancari, riducendo i costi e le spese aggiuntive dei propri clienti così da rendere i propri servizi più efficienti. Attiva in quattro paesi europei e con più di 200 mila esercenti, punta a diventare la più grande fintech europea.

Scalapay è una società fondata a Dublino nel 2019 da Simone Mancini e Johnny Mitrevski per consentire ai propri clienti di dilazionare nel tempo il pagamento della merce ordinata, evitando burocrazia e complicazioni, grazie alla piattaforma Check out. Già vincitrice del premio Startup dell’anno allo StartupItalia Open Summit 2021 Winter Edition, è attiva in diversi Paesi europei con un team di circa 150 persone e 3000 partner.

Sibylla Biotech è una startup nata a Verona nel 2017 guidata da Lidia Pieri in grado di sviluppare molecole per la degradazione di proteine e scoprire farmaci innovativi per una serie di patologie gravi, grazie a una piattaforma tecnologica basata su due metodologie, Ppi – Fit e Bfa.

Vedrai è un’azienda fondata nel 2020 dall’attuale CEO, Michele Grazioli, con un team di 120 persone e quattro sedi a Milano, Brescia, Pisa e Madrid. Attraverso l’intelligenza artificiale, offre consulenza aziendale a piccole e medie imprese nei processi decisionali, analizzando variabili di mercato in tempo reale e creando strategie e previsioni della propria attività. Attualmente si prepara all’espansione sul mercato internazionale.