Advertisements
- Pubblicità -realizza un sito ecommerce di successo, aumenta il tuo fatturato in sole 72 ore
Home Economia Wetex, asse tra Graded e RIT: tecnologia all’avanguardia per raffreddare gli edifici...

Wetex, asse tra Graded e RIT: tecnologia all’avanguardia per raffreddare gli edifici di Dubai.

- Pubblicità -
Annunci
Si è conclusa con una conferenza sul tema “Ground coupled chiller cooling system” la tre giorni del WETEX & Dubai Solar Show 2022, fiera internazionale di riferimento per i settori legati all’industria dell’energia: Graded, società napoletana guidata da Vito Grassi, in collaborazione con il Rochester Institute of Technology, ha illustrato i risultati del nuovo progetto sulla geotermia di cui è già partita la fase 2. Tra gli speakers della conferenza Ghalib Y. Kahwaji, professore e presidente del Dipartimento di Ingegneria Meccanica e industriale del Rit, Mohamed Samaha, professore Associato di Ingegneria Meccanica del Rit, gli ingegneri Graded Giada Boudekji, Davide Capuano e Giuseppe Gregorini.
Sta riscuotendo successo negli Emirati questa nuova soluzione per il raffreddamento degli ambienti proposta dalla partnership tra l’azienda partenopea e l’Università di Dubai che sono pronte per introdurre nel mercato una tecnologia all’avanguardia.
 
L’idea di “esportare” in Medio Oriente una sperimentazione sulla geotermia in Graded è nata nel 2019, a seguito dell’interesse suscitato durante la presentazione proprio alla Fiera Wetex di Dubai da un analogo progetto di ricerca, Geogrid, avviato in Campania nel 2015 in collaborazione con i massimi esperti del settore (INGV, il CNR, Università Parthenope, Federico II, Università del Sannio, Università della Campania, Smart Power System, e una serie di imprese con Graded capofila).  
Sempre negli Emirati Arabi Graded ha avviato un progetto di ricerca sulle micro celle ad idrogeno, in collaborazione con l’università di Sharjah: l’impianto punta a ridurre di circa il 40% i consumi energetici negli edifici. Il progetto si basa su un sistema di alimentazione a micro-rete a celle a combustibile fotovoltaico/idrogeno e utilizza le tecnologie integrate di raffreddamento a soffitto radiante e del tetto freddo.
L’obiettivo è utilizzare questi impianti pilota di micro-cogenerazione, studiarne i benefici ambientali e replicare la tecnologia su larga scala, affinché si possano raggiungere i target di carbon neutrality. Un obiettivo ambizioso che può essere raggiunto più facilmente attraverso un modello di partenariato tra Università, Enti Pubblici, centri di Ricerca ed aziende.
Advertisements
Parla con noi
WhatsApp GazzettadiNapoli.it
Ciao, ti scrivo dalla chat di GazzettadiNapoli.it
Exit mobile version