650 anni dalla morte di Santa Brigida di Svezia: i cavalieri e le dame dell’Ordine Militare incontrano il nuovo Rettore Generale dei Leonardini

Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin

Domenica sera, nella chiesa barocca di Santa Brigida, per commemorare la compatrona d’Europa, è giunto da Roma, ad un anno dalla sua elezione, il Rettore Generale dei Leonardini, padre Antonio Luigi Piccolo, originario di Gallipoli, il quale oltre a tratteggiare la figura della Santa, ricordandone l’opera di cristianizzazione nel mondo a 650 anni dalla morte (23 luglio 1373), ha manifestato la sua gioia per essere ritornato a Napoli, città nella quale ha trascorso tanti anni di sacerdozio.

 

Alla santa messa, accompagnata dal coro costituito da voci del San Carlo, oltre al parroco, Padre Domenico Aiuto, erano presenti tra gli ecclesiastici, Padre Francesco Petrillo, preside della Toscana e già Rettore Generale dei Leonardini, il Priore Padre Innocenzo, padre Leonardo e padre Antonio della parrocchia del Vomero.

Nonostante il caldo torrido, non hanno fatto mancare la loro presenza, indossando il mantello crociato e le insegne, i cavalieri e le dame dell’Ordine Militare di Santa Brigida (nella foto), con la seguente delegazione: il Luogotenente Generale Biagio Abbate, il Cancelliere Pierluigi Scarpa, i Cavalieri Raffaele Menzione, Mario Passaro ed Ermanno Capobianco, la Dama Tiziana Crocco e il Commendatore Mauro De Angelis. Quest’ultimo ha ricevuto, nel corso della cerimonia il decreto di nomina di preside della Sezione Umbria, con l’incarico di radicare l’ordine nelle province di Perugia e Terni.

 

Al termine della celebrazione eucaristica, Padre Domenico Aiuto ha ringraziato tutti i convenuti, il Padre Generale, la Caritas e i cavalieri di Santa Brigida per l’impegno nelle attività benefiche a favore della comunità brigidina e dei più bisognosi. Il Luogotenente Generale, nel suo saluto ha ricordato l’affiliazione all’Ordine della Madre di Dio del Principe Gran Maestro, Conte Federico Abbate de Castello Orleans e la volontà di proseguire un percorso di comunione d’intenti tra l’ordine ecclesiastico e il sodalizio cavalleresco.

 

Infine, come segno di amicizia e a suggellare la continuazione di tale cammino, il Cavaliere di Gran Croce Scarpa ha consegnato al Padre Generale Antonio Luigi Piccolo il crest dell’ Ordine Militare cavalleresco.

Advertisements