Dopo il museo Reina Sofia Andres Pachon alla sua prima personale italiana_Class(h) alla Shazar Gallery_30settembre.

0
382
Con Funshopping.it lavora da casa e guadagna on line generando un reddito aggiuntivo

Giovedì 30 settembre dalle ore 16.00 la Shazar Gallery di Napoli presenta Class(h) la prima personale italiana di Andrès Pachon. Il progetto commissionato all’artista spagnolo dalla galleria napoletana è una nuovissima ed esclusiva visualizzazione sperimentale possibile grazie ad una Intelligenza Artificiale. L’opera rinnova e implementa un lavoro precedente “AbstractMachine” (2020) acquisito dal Museo Nazionale Reina Sofía. Negli spazi di via P. Scura il pubblico potrà “attraversare” e interagire con la “scatola nera” (una video installazione interattiva), la macchina utilizzate per il riconoscimento, la classificazione e la generazione di immagini dell’Archivio della Biblioteca Pubblica di New York.

Attraverso diversi dispositivi e un software, creato esclusivamente per la Shazar, Pachon ha ottenuto immagini multiple che rivelano la modalità di esplorazione dell’Intelligenza Artificiale. In Class(h) le fonti visive originali dell’archivio non sono mai presenti, appaiono invece figure generate da un’Intelligenza Artificiale che ‘ha imparato’ a rappresentare i caratteri latenti dell’archivio, concentrandosi sulle peculiarità visive che associa alle diverse categorie (Classi o Cluster). Svelando processi che sono solitamente oscurati e non apertamente visibili, Pachon instaura nuovi rapporti tra immagini e tipologie. Il software interattivo e i pannelli fotografici (20) che compongono Class(h) consentono a queste rappresentazioni di acquisire un carattere evocativo e di esplorare l’associazione di nuove idee oltre i codici prestabiliti.

Class(h) sarà visitabile fino al 30 novembre dal martedì al sabato dalle ore 14.30 alle 19.30 o su appuntamento. La prenotazione è possibile su tutti i canali ufficiali della Shazar Gallery.

 

Andrés Pachón (Madrid, 1985) Negli ultimi anni la sua pratica visiva si è concentrata sulla costruzione dell’immaginario coloniale attraverso l’utilizzo di archivi fotografici di antropologia ed etnografia. In questo contesto, ha sviluppato il suo lavoro attraverso collaborazioni con istituzioni come il Musee du Quai Branly di Parigi, Museo Nationale di Antropologia di Madrid e Archivio fotografico del Museo d’Arte di Lima (MALI) in Perù. Il suo lavoro riflette sulla costruzione della conoscenza attraverso fotografia, stabilendo relazioni tra le pratiche del XIX e XX secoli e gli usi attuali della tecnologia. Dal 2010 il suo lavoro è stato esposto in diverse gallerie e luoghi d’arte internazionali come Museo Nacional de Antropologia di Madrid (Spagna), Museu Nacional de Etnologia a Lisbona (Portogallo), MUSAC a Leon (Spagna), La Nau a Valencia (Spagna), o Gaîté Lyrique a Parigi (Francia). In questi anni ha ricevuto vari premi e borse di studio, come Leonardo Grant BBVA Foundation a Ricercatori e Creatori Culturali nel 2019, Comunidad de Madrid Visual Art Grant nel 2017, Transvisiones 2015, ARCO/BEEP Electronic Art Award in ARCOmadrid 2014. Le sue opere sono in diverse collezioni internazionali, come la Collezione Museo Reina Sofía, Collezione Pilar Citoler, Collezione Jozami, Collezione CA2M Art Center, Museo MEIAC Collection o BEEP Electronic Art Collection.

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here