I Rotary di Caserta celebrano Luigi Vanvitelli, venerdì il seminario all’Unione Industriali per ricordare il grande Architetto.

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Nell’ambito degli eventi organizzati per la ricorrenza del 250° anniversario della morte di Luigi Vanvitelli, i tre club Rotary della città di Caserta«Luigi Vanvitelli», «Reggia» e «Terra di Lavoro 1954» – hanno promosso, ieri, un seminario per approfondire il contributo del grande Architetto per la città di Caserta.

Al centro del seminario – che ha avuto luogo presso la sala conferenze dell’Unione Industriali di Caserta – vi sono state la storia e l’illustrazione delle grandi opere architettoniche che con passione e dedizione Luigi Vanvitelli realizzò nel territorio casertano, rendendolo unico al mondo. Relatori chiarissimi ne sono stati Alessandro Castagnaro – architetto e docente di storia dell’architettura presso l’Università «Federico II» di Napoli e governatore Rotary del Distretto 2101 – insieme a Fabio Mangone – docente di storia dell’architettura presso l’Università «Federico II» di Napoli e past president del Rotary Club Napoli Ovest – ed a Tiziana Maffei – architetto e direttrice della Reggia di Caserta.

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Ad introdurre il seminario, il saluto dei presidenti dei tre Rotary Club organizzatori – Giuseppe Pilato per Caserta Luigi Vanvitelli, Filippo Morace per Caserta Reggia, e Giuseppe Ianniello per Caserta Terra di Lavoro 1954 – insieme al vicepresidente dell’Unione industriali di Caserta, Adolfo Bottazzo (in luogo del presidente Beniamino Schiavone, assente per concomitanti impegni istituzionali), ed all’assessore alla cultura del Comune di Caserta, Enzo Battarra. Presenti anche i Past Governor del Distretto 2101 nonché i Governatori che lo guideranno nel prossimo triennio.