La danza contemporanea al Fazio Open Theater per Oltre la linea d’inverno festival, sabato 20 e domenica 21.

0
192

La danza continua a spostarsi nei teatri di prossimità della Campania. Questo fine settimana, il 20 e 21 novembre, Oltre la linea d’inverno, il festival itinerante che promuove la danza sperimentale, torna al Palazzo Fazio di Capua con Cuenca/Lauro (Elisabetta Lauro e César Augusto Cuenca Torres, due danzatori e coreografi residenti a Berlino) e Sosta Palmizi di Arezzo, che presentano Regenland – elogio del buio; Excursus/PinDoc con Quadri 2021 e Akerusia Danza con Funamboli/high wire walks.

Il festival è anche alternanza di spettacoli e laboratori; così domenica mattina la danza diventa linguaggio comune per un confronto tra danzatori e non, con il workshop tenuto da Elisabetta Lauro, sempre al Fazio Open Theater, dalle 11 alle 13.

GLI SPETTACOLI

sabato 20 novembre – ore 21.00

Regenland – Elogio del buio di Cuenca/Lauro in coproduzione con Sosta Palmizi di Arezzo. Coreografia, regia e interpretazione di Elisabetta Lauro con la collaborazione artistica di César Augusto Cuenca Torres, il supporto drammaturgico di Gennaro Lauro e l’assistenza tecnica di Gaetano Corriere. Regenland, tradotto dal tedesco come Paese della pioggia, dà nome all’immaginario interiore nel quale si sviluppa questo percorso. Toni plumbei e zone di penombra caratterizzano lo sfondo emotivo, che nulla ha però di malinconico, triste o nostalgico. Sono invece indicatori del desiderio di voler eludere il bagliore delle cose per volgere lo sguardo altrove, lì dove la luce non penetra così facilmente. Un confronto con l’oscurità per consentire all’invisibile di rivelarsi, addentrandosi nelle crepe dell’io, scendendo fino al punto più buio dove sorge la luce.

Domenica 21 novembre – ore 19.30

– Quadri 2021 è un programma contenitore di sezioni coreografiche appartenenti al repertorio più recente della compagnia Excursus/PinDoc, tratte in particolare “Alma Tadema”, una produzione dedicata al noto pittore olandese, corredata di suggestioni derivanti dalle antiche atmosfere del mondo pompeiano. Una forte connessione e condivisione su contenuti comuni, personaggi diversificati, sempre in relazione fra loro. Una nuova possibile indagine di ricerca sul corpo come strumento per riprendere in mano la danza e l’arte scenica, asservendolo a nuove azioni drammaturgiche, nuove modalità espressive. Coreografia e Regia di Ricky Bonavita. Musiche di repertorio di Alphons Diepenbrock; musiche originali ed editing sonoro di Francesco Ziello. Scene e Costumi di Daniele Amenta e Yari Molinari. Interpreti: Enrica Felici, Yari Molinari, Claudia Pompili, Francesca Schipani.

– Funamboli/high wire walks prodotto da Akerusia Danza, è una poetica messa in scena della vita, dell’audacia, della solitudine, ma allo stesso tempo è mettere in scena il trionfo del gesto, dell’eleganza, la ricerca quasi esasperata di un equilibrio, di una forza interiore tali da superare difficoltà e imprevisti. <<Il funambolismo non è un’arte della morte, ma un’arte della vita vissuta al limite del possibile>>. Così Paul Auster scrive nella prefazione al ‘Trattato di funambolismo’ di Philippe Petit, noto funambolo, equilibrista e giocoliere, famoso per aver attraversato con il suo cavo a grandi altezze le guglie di Notre-Dame a Parigi nel 1971, le Twin Towers a New York nel 1974. Ideazione e coreografia di Elena D’Aguanno, Drammaturgia e voce di Massimo Finelli, interpretazione di Fabrizio Varriale ed elaborazione del progetto di Paola Rivazio.

 

Costo del biglietto: 10 euro

Info e prenotazioni: Rosario Liguoro – itinerarte@virgilio.it – cell. 366 871 1689

Advertisements
Pclove.it vendita on line di notebook, computer, pc all in one, laptop, pc nuovi on box ed usati grade A

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here