Advertisements
- Pubblicità -
Home Eventi Sui Sentieri degli Dei, ad Agerola Gino Rivieccio, Marco Morandi e Claudia...

Sui Sentieri degli Dei, ad Agerola Gino Rivieccio, Marco Morandi e Claudia Campagnola mercoledì 20 e giovedì 21.

Annunci

È uno spettacolo con tematiche attuali quello presentato da Gino Rivieccio mercoledì 20 al Parco Colonia Montana, nell’ambito di Agerola Sui Sentieri degli Dei, festival dell’Alta Costiera Amalfitana. Con la consueta ironia, il comico napoletano in Da cosa nasce cosa porterà il pubblico a sorridere e a riflettere sugli accadimenti degli ultimi anni, dai cambiamenti sociali a quelli economici e climatici, senza contare il Covid che ha mutato repentinamente il nostro stile di vita. Ma è sul virus della stupidità contro il quale non c’è nessun vaccino, che l’attore in questo suo monologo teatrale batte l’accento. Un virus che sembra aver ottenebrato le menti anche di chi dovrebbe governare il mondo. In scena Rivieccio appare come un capotreno istrionico che passa da un argomento all’altro come un bambino che trascina le carrozze del trenino, sottolineando le varie fasi dello show con alcuni interventi musicali, accompagnato al pianoforte dal maestro Marco Ciardiello e con il supporto di tre vocalist. Al termine dello spettacolo Gino Rivieccio sarà insignito del Premio Roberto Bracco che gli verrà consegnato dal sindaco di Agerola Tommaso Naclerio.

Ancora teatro giovedì 21 al Belvedere Parco Corona, dove va in scena Parola di Wurlitzer di Paolo Logli, che vede protagonista la collaudata coppia composta da Marco Morandi e Claudia Campagnola. Un viaggio fantastico sulle note delle canzoni. Canzoni che sono macchine del tempo e che ci riportano indietro a momenti indimenticabili della nostra storia. Una favola, narrata da un juke box, un juke box femminile, un Wurlitzer modello 1050, che ha la civetteria di farsi chiamare Betty. Sorride, racconta storie, si innamora dei locali dove suona e dei ragazzi che ballano sulle sue note. Nel viaggio musicale a ritroso nel tempo e nei locali templi della musica Betty racconta la “storia della sua vita”. Dal momento in cui nacque, fino al momento della massima fama, descrivendo anche le variate abitudini del pubblico dei musicofili dagli anni ’40. Il tutto,  fino al momento del suo “declino”, gli anni ’80.

 

Claudia Campagnola, romana, attrice formatasi al corso biennale per attori professionisti Teatro Azione diretto da C. Censi e I. Del Bianco presso il Teatro Dei Cocci di Roma e ha frequentato il corso di alta formazione per Attore Sociale presso il Teatro d’Arte della Toscana, Fondazione Sipario di Cascina (PI) con A. Garzella e F. Cassanelli. È stata diretta da vari registi tra i quali Massimo Venturiello, Nicola Pistoia, Michele La Ginestra, Stefano Messina, Augusto e Toni Fornari, Tiziana Foschi, Paola Tiziana Cruciani, Norma Martelli, Gigi Proietti, Francesco Zarzana, Guglielmo Ferro. Ha interpretato ruoli in fiction quali Una madre detective, Questa è la mia terra, I Cesaroni. È stata protagonista del cortometraggio Melanzane al cioccolato diretto da G. Zito, vincitore del premio Impact Audience Award 2004, Los Angeles, e con Flora e li mariti sua ha vinto il premio Miglior Monologo Femminile e Premio Speciale del pubblico del Premio Teatro Traiano di Fiumicino. Partecipa nel giugno 2012 alla rassegna internazionale Migraction 5 al Theatre de l’Opprimé di Parigi e al Premio Fescennino d’oro XIII edizione con il monologo La città di plastica di S. Resta e F. Zarzana, per la regia di Norma Martelli. È stata tra le protagoniste del docu-film scritto e diretto da Francesco Zarzana Tra le onde nel cielo, pellicola proiettata alla 69° edizione del Festival del Cinema di Cannes, in concorso anche per i premi David di Donatello. Nella scorsa stagione teatrale ha interpretato Fool nel Re Lear di Shakespeare accanto a Giuseppe Pambieri. È stata protagonista del docufilm Vorrei dire ai giovani, Gina Borellini un’eredità di tutti, scritto da Caterina Liotti e Francesco Zarzana e da lui anche diretto, interpretando la partigiana modenese Gina Borellini. Attualmente in scena con CHIAMATEMI MIMI’, omaggio a Mia Martini, scritto da Paolo Logli, diretto da Norma Martelli, con Marco Morandi.

 

Marco Morandi, classe 1974, respira fin da piccolo aria di musica. A cinque anni inizia a studiare violino proseguendo fino all’adolescenza. Al liceo fonda con alcuni compagni di classe la band i Percentonetto, con la quale partecipa al Sanremo giovani ’98, abbandona il violino per dedicarsi a strumenti più pop, quali  chitarra, basso e pianoforte, e l’anno successivo si affaccia al mondo televisivo interpretando sé stesso nel fortunatissimo programma televisivo del padre Gianni C’era un ragazzo… per cinque puntate in prima serata su Rai1. Nel 2000 affianca Enrico Silvestrin alla conduzione del programma musicale Taratatà  in seconda serata su Rai1. Nel 2001 recita nel film di Cristina Comencini Liberate i pesci, commedia brillante con Michele Placido, Laura Morante, Emilio Solfrizzi e Lunetta Savino. Nel 2002 partecipa nuovamente al Festival di Sanremo come cantante solista e pubblica ilCD da solista Io nuoto a farfalla, il cui titolo è tratto dal brano inedito di Rino Gaetano Nuoto a farfalla che la sorella di Rino ha trovato in un cassetto decidendo di affidarglielo. Gli anni 2003 e 2004 lo vedono protagonista del musical Gianburrasca,  dove canta e recita nel ruolo del “terribile” Giannino Stoppani, per più di centocinquanta repliche nei più importanti teatri italiani. Da questo momento nasce il forte feeling col teatro e seguono vari spettacoli: Corleone, la storia di Filippo Latino, Galleria, Il mistero del calzino bucato. Nel  2008 nasce il sodalizio artistico musicale con la Rino Gaetano Band, cover band ufficiale del grande cantautore calabrese, gestita dalla sorella Anna Gaetano. Da allora Marco gira l’Italia con la Rino Gaetano band esibendosi  dal vivo. Il suo secondo disco da solita Non basta essere te, il cui primo singolo si intitola Devi essere super, è registrato nel suo studio wwwpenguinstudio.it.

Tutti gli spettacoli al Parco Colonia Montana (circa 1200 posti a sedere) iniziano alle 21.00

Tutti gli spettacoli al Belvedere Parco Corona (circa 300 posti a sedere) iniziano alle 21.00

Alba magica dalle 19.00 del 14 agosto alle ore 05.00 del 15 agosto

 

BIGLIETTI

Ingresso libero a tutti gli spettacoli fino ad esaurimento dei posti a sedere, ad eccezione di Un giorno all’improvviso con Biagio Izzo, Mario Porfito e Francesco Procopio, lunedì 8 agosto con biglietti disponibili sulle piattaforme online go2.it e ticketone.it

 

INFO

Segreteria Festival

Pro Loco di Agerola, p.zza Paolo Capasso (tutti i giorni, dalle 8 alle 13)

081 8791064 – www.proagerola.it / www.agerolaonline.com

Advertisements
Parla con noi
WhatsApp GazzettadiNapoli.it
Ciao, ti scrivo dalla chat di GazzettadiNapoli.it
Exit mobile version