Secondo uno studio, un composto della cannabis può essere efficace contro i danni del COVID-19 all’intestino

    0
    257

    di Enzo Schillaci (Fast Buds)

     

    Fin dall’inizio della pandemia di COVID-19 nel 2020, gli scienziati hanno studiato i farmaci già disponibili sul mercato per la loro possibile efficacia contro il virus e le sue numerose complicazioni. E uno dei farmaci che si è dimostrato promettente era il CBD, una molecola derivata dalla pianta di cannabis.

     

    Un team di ricercatori dell’Università Sapienza di Roma e dell’Università di Napoli ha pubblicato i risultati di uno studio che studia come il CBD possa proteggere i tessuti intestinali dagli effetti nocivi del coronavirus.

     

    È noto che il COVID-19 può infettare il corpo non solo attraverso il sistema respiratorio. In alcuni casi, invade l’intestino dove può proliferare e causare danni estesi all’epitelio. La struttura del virus include la cosiddetta proteina a spillo (SP) che gli permette di attaccarsi alla membrana delle cellule, danneggiarle e causare infiammazione.

     

    L’ipotesi del team era che il CBD può contrastare l’azione della proteina spuntata e proteggere le cellule delle pareti intestinali. Il CBD, o cannabidiolo, ha ben documentati effetti antinfiammatori e immunosoppressori. La sostanza è stata precedentemente proposta come metodo per ridurre l’infiammazione acuta nei polmoni dei pazienti affetti da coronavirus.

     

    Gli scienziati hanno scoperto che il trattamento con CBD era un potente inibitore del danno indotto da SP. In esperimenti in vitro, la sostanza ha ridotto i marcatori pro-infiammatori e ripristinato i tessuti danneggiati dal virus.

     

    Gli autori sono stati anche in grado di spiegare il meccanismo utilizzato dal CBD. In contrasto con il THC, che causa effetti di alterazione mentale nei fumatori di cannabis, il CBD ha un’affinità molto debole con i recettori dei cannabinoidi del nostro corpo – CB1 e CB2. Ma può legarsi ai recettori di un altro tipo, PPAR-γ, che provoca effetti antinfiammatori e antiossidanti.

     

    Il CBD ha recentemente guadagnato notorietà come una medicina miracolosa e un prodotto di benessere a tutto tondo. Negozi che offrono olii di CBD, tinture, capsule, così come unguenti e prodotti cosmetici e persino crocchette per cani si trovano in tutta Italia. Gli stessi negozi spesso offrono anche “cannabis light”, fiori secchi che possono assomigliare all’aspetto e all’odore della droga illecita, ma non contengono sostanze psicoattive. Invece, la cannabis light è ricca di CBD.

     

    E’ anche possibile che altre varietà di cannabis vengano depenalizzate l’anno prossimo in una votazione popolare per la quale gli attivisti hanno recentemente raccolto mezzo milione di firme. Se passerà, l’iniziativa permetterà ai pazienti di produrre la propria cannabis a casa – facendo germinare semi autofiorenti e coltivando fino a quattro piante per uso personale.

     

    Fumare cannabis come fonte di CBD potrebbe non essere il metodo migliore per cercare di prevenire l’infezione da COVID-19 o affrontare le sue conseguenze. Tuttavia, il potenziale di questo composto è innegabile. Lo stesso team di ricercatori che ha studiato i suoi effetti sulla salute intestinale ha condotto una revisione della letteratura scientifica nel 2020.

     

    I loro risultati hanno mostrato che le proprietà uniche di questo costituente della cannabis possono essere un’arma efficace contro il COVID-19 in diversi modi. Anche prima che indossare maschere e prendere le distanze sociali diventasse una nuova norma, c’è stato uno studio che ha suggerito che un collutorio al CBD potrebbe aiutare a prevenire le infezioni. Studi successivi hanno dimostrato che il CBD potrebbe proteggere contro il virus dopo che è entrato nell’organismo e ha iniziato a creare scompiglio nei polmoni e in altri organi.

     

    Attraverso la sua azione su vari siti recettoriali, il cannabidiolo può combattere il danno polmonare acuto nei pazienti COVID-19 e ripristinare la funzione polmonare durante il recupero. Comprensibilmente, la maggior parte della ricerca disponibile è preclinica, e gli autori richiedono più studi per testare l’efficacia del CBD in ambito clinico, verificare se la sostanza interagisce con altri trattamenti, e determinare i dosaggi più efficaci.

    Advertisements
    Pclove.it vendita on line di notebook, computer, pc all in one, laptop, pc nuovi on box ed usati grade A

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here