Ritorno a scuola per i più piccoli.

0
509
Un papà abbraccia la figlia all'ingresso di una scuola elementare di Potenza, 7 gennaio 2021. ANSA/TONY VECE.
funshopping.it è il marketplace dedicato ai piccoli commercianti

Si è tornati in classe oggi a Napoli dopo le feste natalizie. La campanella ha ripreso a suonare ma a rientrare tra i banchi sono, in virtù di un’ordinanza regionale, soltanto le scuole dell’infanzia e le classi prima e seconda elementare.

Tra i genitori c’è chi manifesta preoccupazione e chi invece sollievo perché aveva temuto che anche i più piccoli tornassero alla didattica a distanza.

“Ritengo che i bambini così piccoli, che sono all’inizio e devono imparare a leggere e a scrivere abbiano bisogno di essere seguiti da vicino dall’insegnante – dice una mamma all’esterno della scuola Vanvitelli – la dad deve essere un’alternativa di breve periodo soprattutto per loro”. Ma la necessità che i bambini siano seguiti dalle maestre e che non restino indietro nell’apprendimento si scontra inevitabilmente con la preoccupazione di esporli, e di conseguenza esporre altri componenti più fragili della famiglia, come i nonni, al contagio. Alcune mamme della scuola De Amicis, infatti, avrebbero fatto a meno di riportare i bimbi a scuola.

“Avrei evitato se fosse stato possibile – ha detto una mamma – ma ho temuto che facesse troppe assenze e che potesse scattare la segnalazione ai servizi sociali”.

E se tra i genitori si agitano preoccupazione e soddisfazione per il rientro in classe, tra i bambini con i loro zainetti in spalla c’è chi è contento e chi piange perché – ha evidenziato un papà – “a causa di queste continue interruzioni e riprese i bambini non riescono ad abituarsi all’idea di andare a scuola”. (ANSA).

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here