Vincono le “Confessioni” del Pontano per Carta Bianca agli studenti, il contest del Museo di Capodimonte.

1167
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin

Si chiude nell’Auditorium del Museo e Real Bosco di Capodimonte il progetto Alternanza Scuola Lavoro 2018 con la presentazione dei lavori realizzati dagli studenti e la premiazione della classe vincitrice: la IV A Classico dell’Istituto Pontano di Napoli.

Un lavoro impegnativo che quest’anno li ha visti cimentarsi con la mostra Carta Bianca. Capodimonte Imaginaire, a cura di Sylvain Bellenger e Andrea Viliani (fino al 17 giugno 2018), e che li ha direttamente coinvolti nella realizzazione virtuale di una mostra. Per la giuria, composta dall’architetto dell’allestimento Lucio Turchetta, e dalle storiche dell’arte Patrizia Piscitello e Paola Giusti, un compito non facile: scegliere il progetto vincitore tra plastici, video, brochure e altri materiali preparati con grande professionalità dagli studenti.

Lunedì 28 maggio 2018 nell’Auditorium di Capodimonte gli studenti del Liceo Caccioppoli III C scientifico, del Liceo Umberto IV C CLASSICO e V D Classico, dell’Istituto Pontano IV A Classico, del Suor Orsola Benincasa III Linguistico e del Liceo G. B. Vico III B Classico hanno esposto i loro lavori: presentazioni, video, plastici e disegni davanti alla giuria composta dall’architetto dell’allestimento Lucio Turchetta, e da Patrizia Piscitello e Paola Giusti che ha apprezzato lo sforzo, la fantasia e il grande impegno degli studenti nella realizzazione dei vari materiali. Sul palco dell’Auditorium del Museo e Real Bosco di Capodimonte sfilano gli studenti, alcuni con voce stentorea e posa sicura, altri traditi dalla comprensibile emozione, ed espongono i loro lavori. La giuria ascolta, annuisce, applaude. In platea i compagni di classe e i docenti a fare il tifo.

Durante un periodo di formazione tra i mesi di gennaio e maggio 2018, per il progetto Alternanza Scuola Lavoro, sotto la direzione di Patrizia Piscitello e Paola Aveta, tutte le classi hanno imparato a conoscere i capolavori di Capodimonte e le motivazioni che hanno spinto ogni curatore ad allestire la propria sala-mostra. Poi hanno avuto “Carta Bianca” anche loro! E come Laura Bossi Régnier, Giuliana Bruno, Gianfranco D’Amato, Marc Fumaroli, Riccardo Muti, Mariella Pandolfi, Giulio Paolini, Paolo Pejrone, Vittorio Sgarbi e Francesco Vezzoli, hanno dovuto scegliere tra le 47000 opere del Museo e Real Bosco di Capodimonte e allestire una propria sala-mostra. Con i curatori, gli architetti e tutto lo staff del museo hanno imparato cosa significa lavorare in un museo e sviluppare un progetto a partire dalla sua ideazione fino alla realizzazione virtuale.

La decisione non è stata semplice, la commissione ha dovuto valutare l’originalità delle proposte e la scelta degli allestimenti e alla fine ha deciso di premiare gli studenti della IV A Classico dell’Istituto Pontano con la seguente motivazione: “Hanno scelto una strada originale di essere presenti come classe, e non solo come singoli, nel confronto col mondo dell’arte, trovando accessi diversi all’interpretazione delle opere, che sono state indagate nel loro multiforme e inesauribile fascino, ricomponendo le diverse fasi del processo di reinvenzione del museo in un insieme espressivamente vario ma coerente”.

La commissione ha apprezzato in particolare la produzione dei contenuti originali – le Confessioni dei protagonisti raffigurati nelle tele scelte (Apollo e Marsia, 1637 di Jusepe de Ribera, Paolo III con i nipoti, 1546 di Tiziano, Paolo III senza camauro, 1543 di Tiziano, Rinaldo e Armida, 1593 di Ludovico Carracci e altri) e la loro divulgazione attraverso diversi materiali promozionali: brochure, video e plastico.

Ma, come ben ha precisato la commissione, il premio va idealmente a tutte le scuole coinvolte per la bravura, la creatività, l’entusiasmo e l’impegno dimostrato. Con lo stesso entusiasmo gli studenti potranno partecipare al contest #lamiacartabianca su Instagram che invita ogni singolo visitatore a misurarsi con la collezione di Capodimonte.

 

Advertisements