Formazione in medicina: dall’Accademia alla corsia, i dati e l’esperienza, venerdì 24 al Policlinico Federico II.

606
Villaggio turistico camping Golden Beach a Paestum nel Cilento direttamente sulla spiaggia

“Formazione in medicina: dall’Accademia alla corsia, i dati e l’esperienza”: il progetto pilota di formazione e orientamento ideato dalla professoressa Gabriella Fabbrocini e realizzato dall’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli, in collaborazione con la Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Ateneo federiciano e il sostegno della  Fondazione Pfizer, da sempre attenta alle innovazioni nell’ambito dei processi di formazione e ricerca, con il patrocinio di Regione e Provveditorato agli Studi della Campania. I dati del follow up dell’ iniziativa, partita nel 2015, con il coinvolgimento di 250 studenti provenienti da 7 licei di Napoli e provincia, saranno illustrati venerdì 24 marzo, alle 9.30, nell’Aula magna della Facoltà di Scienze Biotecnologiche .

“La formula innovativa del nostro progetto- spiega Gabriella Fabbrocini – consente agli studenti non solo di conoscere approfonditamente piani di studio, strutturazione dei corsi e sbocchi professionali, ma anche di mettere alla prova, sul campo, motivazioni e inclinazioni e verificare personalmente che quella di Medico è la figura professionale in cui più si integrano – diventando scelta di vita – sapere, saper fare e saper essere”.

I ragazzi, infatti, da semplici spettatori e fruitori passivi di informazioni, nell’arco di più giorni, sono stati resi protagonisti del percorso di orientamento prima con la somministrazione di un questionario autoconoscitivo, quindi attraverso l’accesso diretto ai luoghi della medicina: istituti, reparti, corsie e laboratori.

“Si tratta di un progetto unico in Italia nel suo genere – sottolinea Luigi Califano, Presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia della Federico II – La nostra Scuola in questo caso fa da apripista ad un percorso formativo all’avanguardia a livello nazionale, consentendo agli studenti delle scuole superiori di entrare nel vivo della professione medica, potendo visionare luoghi, strumenti e opportunità didattiche e di ricerca offerti dal nostro corso di studi, in modo da favorire una scelta universitaria consapevole e motivata”.

“Siamo  stati lieti di supportare, sin dal suo inizio, un programma di orientamento che si è dimostrato così apprezzato ed efficace per gli studenti e che potrà diventare una best practice nel favorire l’accesso alle Facoltà di Medicina, oltre ad aiutare i più giovani nella scelta del loro futuro” –  dichiara infatti Barbara Capaccetti, Presidente della Fondazione Pfizer – Tale iniziativa è perfettamente in linea con la missione della nostra Fondazione, che si propone di supportare sul territorio italiano, in partnership con enti ed istituzioni, progetti innovativi di rilevanza sociale, che contribuiscano al miglioramento del sistema sanitario e, di conseguenza, al benessere del cittadino”.

Si evidenzia che dei 250 aspiranti medici coinvolti nel progetto,  il 72% ha poi sostenuto i test e ben il 37% è riuscito ad accedere alle Facoltà di medicina e chirurgia contro la media nazionale, nel biennio2015/2016, del 17,7%. Dato che diventa ancora più significativo considerando che, al termine del primo anno, il 73% del campione di riferimento era in regola con gli esami con una media del 27.2, (solo il 22% è indietro di 1 o 2 esami ed appena il 5% di più di 2 esami), dimostrando che un adeguato e corretto orientamento è fondamentale ai fini di una scelta consapevole e motivata, in grado di proiettare ad un futuro di successo.

Ai lavori, moderati dal giornalista Ettore Mautone, è annunciata la partecipazione, in collegamento, del Ministro alla Salute Beatrice Lorenzin e del Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. Tra i relatori, il presidente dell’Ordine dei medici Silvestro Scotti, il direttore dell’Ufficio scolastico della Campania Luisa Franzese, il Presidente della Fondazione Pfizer Barbara Capaccetti, il Presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia Luigi Califano, l’onorevole Raffaele Calabrò, vicepresidente della Commissione affari sociali della Camera, i professori Cesare Gagliardi, coordinatore delle lauree triennali della Scuola di Medicina e Chirurgia, Paola Izzo, coordinatore del corso di laurea in Medicina e Chirurgia in inglese, Sabino De Placido, coordinatore del corso di laurea in Medicina e chirurgia, Sandro Rengo, coordinatore del corso di laurea in odontoiatria, e i direttori di dipartimento  Giovanni Di Minno, Tommaso Russo, Lucio Santoro, Claudio Buccelli, Domenico Bonaduce.

Advertisements