Donne e camorra, incontro a Villa Gardenia a Boscotrecase sabato 3.

0
310

Donne e camorra’ è il tema al centro del convegno in programma domani a Villa Gardenia di Boscotrecase (Napoli) su inizativa de ‘La Fenice Vulcanica’, ‘Io Ascolto’ e del Comune di Boscotrecase, a partire dalle 18. Moderati da Francesca Ghidini, giornalista Rai, introduce il sindaco di Boscotrecase, Pietro Carotenuto.
Intervengono Stefania Castaldi, procuratore aggiunto presso la Procura della Repubblica di Nola, Vincenzo Gioia, primo dirigente del commissariato di Polizia di Torre Annunziata, Antonella Formicola, criminologa, Beatrice Federico Pastore, vedova di camorra, Ilde Terracciano, autrice del libro ‘Scappa a piedi nudi’. Letture a cura di Pio Luigi Piscicelli, musiche di Rosanna Ardizio. Secondo quanto sottolinea Angela Losciale, presidente dell’associazione ‘La Fenice vulcanica’, “più di quanto non accada in seno alla mafia e alla ‘ndrangheta: la camorra è un fenomeno criminale che progressivamente ha perso la sua identità di genere maschile La camorra cambia pelle e si evolve e promuove le donne da semplici vestali dei capi clan a boss in prima persona. Insomma, la camorra istituisce le “quote rosa”, perché a differenza di anni fa, sono molto più partecipi alle decisioni e sorti della cosca alla quale appartengono: le donne della camorra non si limitano a portare all’esterno gli ordini dei boss in galera. Ma li sostituiscono in tutto e per tutto. Madri, mogli, figlie, sorelle, cognate della camorra pedinate e intercettate mentre discutono di come vendere partite di droga, mentre entrano nei negozi per intimidirne i proprietari, mentre minacciano i collaboratori di giustizia e i loro parenti. Da un punto di vista dei numeri è pensabile che per ogni donna attiva all’interno dell’organizzazione criminale all’inizio degli anni Novanta, oggi ce ne siano almeno. E nemmeno la condizione di donna che porta in grembo un nascituro esonera la donna di camorra ad assumere il ruolo di leader”. “Poi ci sono le Donne, tantissime, che si schierano con coraggio e con dignità dalla parte della Legalità e del Diritto, della Convivenza democratica e della Civiltà. Sono le Donne che dedicano il loro impegno civile declinandolo in Politica o, più comunemente, nella cosiddetta Società Civile. Molte di queste Donne vengono da un mondo “intellettuale”. Tantissime, e spesso in assoluto anonimato (laddove l’anonimato connota il loro impegno lontano dagli “onori” della cronaca), sono Donne comuni, ma straordinariamente impegnate nel quotidianamente, che dedicano parte della loro vita a condividere percorsi di riaffermazione del senso e della pratica della legalità. Alcune di queste Donne – evidenzia Angela Losciale nella sua riflessione – hanno invece un vissuto di contiguità, che non significa di complicità, con il mondo camorristico. Da questo mondo si sono affrancate con grande coraggio. Ed oggi si schierano apertamente contro quel mondo”. “Perciò questa serata sarà l’occasione di guardare il fenomeno della camorra con uno sguardo al femminile. Uno sguardo che sa cogliere aspetti a volte contraddittori, spesso innaturali e perciò sorprendenti. Uno sguardo capace di cogliere aspetti che ancora una volta conferma che le Donne hanno la sensibilità, la forza, ed insieme il coraggio, di indicare un percorso di recupero di una condizione di Legalità che potrà essere conseguita solo se, trasversalmente e senza più distinzione di genere, si pone la Convivenza democratica e il rispetto dell’altro quali obiettivi primari di ogni percorso di Vita”, conclude la presidente dell’associazione ‘La Fenice vulcanica’..”.(ANSA)

LASCIA UN COMMENTO