Sorrento, meta turistica e culturale, il Sindaco Cuomo: trend positivo confermato.

0
165

Sorrento – Sarà un’estate da tutto esaurito per Sorrento. L’ennesima. A confermarlo con soddisfazione è il primo cittadino Giuseppe Cuomo: “Lo scorso anno abbiamo già registrato dei numeri eccezionali – spiega – e anche il 2017 si confermerà con un trend assolutamente positivo”.

Tutto esaurito da tempo non solo negli alberghi ma anche nelle strutture extra-alberghiere quali bed and breakfast, agriturismi e case vacanza, tantissime le difficoltà per reperire una sistemazione dell’ultimo minuto. Se il tutto esaurito resta la costante, a cambiare però è la tipologia di turismo: “Ci sono stati – chiarisce Cuomo – degli enormi cambiamenti negli ultimi 3-4 anni. Prima prevalevano gruppi organizzati, che magari restavano in città circa 5 giorni. Oggi, invece, c’è un maggior movimento di singoli turisti che magari si organizzano in proprio, pernottando 3-4 giorni. Sono quindi aumentati i flussi di arrivi e partenze così come è aumentata l’offerta extra-alberghiera in un territorio che, urbanisticamente, non è sufficientemente idoneo ad accogliere tutti questi turisti”.

Se le strutture ricettive non sono mai abbastanza per ospitare le folle attirate dal marchio Sorrento, è anche vero che la città, eternata e resa celebre nel mondo da letterati e cantanti per la sua costa, il suo clima, la sua gastronomia, i suoi panorami, lascia un segno in quanti hanno avuto il piacere di conoscerla: “Siamo molto orgogliosi e constatiamo con piacere – aggiunge il sindaco – che il 25% delle presenze è costituita da turisti che ritornano, dopo essere stati in Città almeno una volta, segno di un’accoglienza e di un’ospitalità che funziona”.

Ad accogliere cittadini e turisti, anche quest’anno, un variegato programma di manifestazioni, tra cui la rassegna “Summertime”, predisposta dalla Fondazione Sorrento, con appuntamenti musicali che proseguiranno fino a fine settembre. Da ricordare, nell’ambito della rassegna “Sorrento Incontra” la prima edizione del “Lemon Jazz Festival”, che si terrà dal 5 al 9 luglio, con ospiti quali gli Avion Travel e jazzisti di fama internazionale.

Prima, però, dal 23 al 25 giugno, un appuntamento culturale di assoluto prestigio che proietterà di nuovo Sorrento alla ribalta del panorama giornalistico-mediatico italiano ed internazionale. La Città ospiterà infatti la nona edizione del premio giornalistico “Biagio Agnes”, con la cerimonia di premiazione alla Marina Grande che sarà trasmessa per due volte in tv su Rai Uno, il 30 giugno e il 9 luglio. A ritirare i riconoscimenti, attesi grandi nomi del giornalismo italiano ed estero tra cui John Micklethwait, direttore di Bloomberg News, e volti noti del piccolo schermo come Fiorello, Carlo Conti e Alberto Angela. Senza dimenticare i momenti canori con Silvia Salemi, Ricchi e Poveri, Noemi, Carly Paoli, Ron, con i passi di danza di Samanta Togni e Samuel Peron direttamente da “Ballando con le stelle”. “Il nome di Sorrento è celeberrimo nel mondo – prosegue il primo cittadino – e non può essere assente dalla grande ribalta degli eventi culturali e televisivi di spessore. Un evento quale il “Premio Biagio Agnes” qualifica ancora di più la nostra programmazione sotto il segno dell’eccellenza culturale”.

Manifestazioni finanziate attraverso l’imposta di soggiorno versata dai turisti che affollano le strutture ricettive cittadine, i cui proventi vanno impiegati per iniziative a carattere turistico. Nel 2016, le casse cittadine hanno intascato poco meno di tre milioni di euro, cifra che si dovrebbe confermare anche nel 2017 viste le tariffe invariate. Nel 2018 gli introiti sono destinati però ad aumentare visto che la recente “Manovrina”, divenuta legge pochi giorni fa, ha dato facoltà agli enti locali di decidere eventuali aumenti. Fondi il cui utilizzo è spesso fonte di polemiche: “L’opposizione è giusto che faccia la sua parte – conclude Giuseppe Cuomo – ma noi, dal canto nostro, possiamo rendere conto di ogni singola spesa.  Grazie alla trasparenza amministrativa, tutti possono verificare le singole determine tramite il portale istituzionale per controllare l’utilizzo dei fondi”.

 

 

Claudia Esposito

LASCIA UN COMMENTO