Pietà de’ Turchini alle Gallerie d’Italia con il concerto gratuito “Zifras Armónicas: viaggioda Toledo a Madrid” martedì 9

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Martedì 9 luglio, la Fondazione Pietà de’ Turchini e le Gallerie d’Italia – Napoli, museo di Intesa Sanpaolo, presentano alle ore 19.00 negli spazi museali di Via Toledo 177, il concerto a ingresso gratuito Zifras Armónicas: viaggio da Toledo a Madrid  del duo Cordis Consort, inserito nell’ambito degli eventi di valorizzazione della mostra (in corso) Velazquez. Un segno grandioso, che ha portato a Napoli due opere prestigiose dalla National Gallery di Londra. Il programma musicale propone un magico incontro tra il chitarrista Santiago de Murcia e l’arpista Diego Fernandez de Huete, eseguiti da Carlotta Pupulin (arpa spagnola) e Juan Josè Francione (chitarra barocca), che ci condurranno in un delicato e folle percorso nel Barocco spagnolo. La somiglianza degli stili dei due musicisti crea un dialogo fatto di melodie assimilate da diverse culture. L’ingresso è libero fino a esaurimento posti. Info al numero 0817611221 o sul sito turchini.it

 

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Santiago de Murcia è l’autore del manoscritto oggi noto come Codex Saldivar, recentemente scoperto dal musicologo Gabriel Saldivar in Messico. In esso si trova l’unione di diverse tradizioni: quella popolare spagnola (jotas, fandangos e jácaras), la zarzuela (El amor estratto da La Purpura de la Rosa di Torrejon y Velasquez), quella italiana (folias italiane, passacalles, trascrizioni di A. Corelli), francese (el cotillón, la allemanda, la amable despacio), afro (cumbées e zambeques), oltre ad alcuni pezzi musicali riconducibili a opere teatrali (Al verde Retamar, Las Penas, Sarao o bailete de el retiro).

Del lavoro di Diego Fernandez de Huete, arpista della cattedrale di Toledo, viene presentato invece il suo Compendio Numeroso de Zifras Armonicas, dove, oltre alle popolari Marionas, Passacalles, Tarantelas e Jácaras, familiari alla maggior parte dei compositori, scrive brani del tutto nuovi.

Musica, trascrizioni e arrangiamenti originali: ecco il programma che Cordis Consort presenta nel tentativo di riprodurre l’incontro tra questi due compositori contemporanei, punti di riferimento imprescindibili nei loro strumenti.

Juan Josè Francione

Dopo aver conseguito il diploma, nel 2013, in Chitarra e Musica da Camera, presso il Conservatorio Superior de Música de la Ciudad de Buenos Aires “Astor Piazzolla”, decide di continuare la sua specializzazione in Liuto e Basso continuo in Italia e successivamente presso la Zürcher Hochschule der Künste (Zurigo, Svizzera) sotto la guida di Eduardo Egüez.

Svolge un’intensa attività concertistica come solista e con l’Ensemble La Chimera, con il quale collabora permanentemente e con il quale incide due album (“Misa de indios” nel 2013, “Gracias a la vida” nel 2017), esibendosi in numerose sale e festival di musica antica e moderna in Europa. Collabora con gruppi come l’Accademia La Chimera, Le Tendre Amour, Elyma, The Rare Fruits Council, Talenti Vulcanici ed altri.

È fondatore, insieme a Carlotta Pupulin, dell’ensemble Cordis Consort, nato nel 2019 come formazione variabile prevalentemente incentrata sul mondo degli strumenti a pizzico.

 

Carlotta Pupulin

Inizia lo studio dell’arpa all’età di quattro anni con Simona Marchesi presso il centro Suzuki di Varese. Nel 2006 si iscrive al Conservatorio di Torino dove segue le lezioni di Gabriella Bosio per poi trasferirsi al Conservatorio di Milano sotto la guida della professoressa Patrizia Radici. Ha partecipato a numerose masterclass con arpisti di fama mondiale (Letizia Belmondo, Lincoln Almada, Catherine Michel, Fabrice Pierre).

Nel 2017 inizia lo studio dell’arpa barocca sotto la guida di Mara Galassi presso la Civica Scuola di Musica “Claudio Abbado” di Milano e prosegue poi con Christina Pluhar presso il Koninklijk Conservatorium dell’Aia, dove consegue il Master. Collabora stabilmente con l’Ensemble la Chimera con cui registra due album (“Misa de indios” nel 2013 e “Gracias a la vida” nel 2017: entrambi con arpa moderna), partecipa ad alcuni progetti con l’arpa barocca, sia la tripla italiana che quella doppia spagnola, e svolge un’intensa attività concertistica a livello europeo (Francia, Belgio, Olanda, Lussemburgo, Italia).

Programma

Santiago de Murcia

La azuzena por la E*

Santiago de Murcia

Preludio-Allegro (Obra por 7mo tono)

Santiago de Murcia

Marionas por la B*

Luys de Narváez

Guárdame las Vacas**

 

Santiago de Murcia

Marizapalos*

Santiago de Murcia

Folias Españolas

Santiago de Murcia

Folias Gallegas*

Santiago de Murcia

Folias Italianas*

Diego Fernandez de Huete

Canzion Ytaliana

Arcangelo Corelli/Santiago de Murcia

Preludio Grabe*

Arcangelo Corelli/Santiago de Murcia

Giga

Santiago de Murcia

Preludio y allegro del 1er tono**

Santiago de Murcia

Cumbees*

Santiago de Murcia

Fandango*

Santiago de Murcia

Tarantelas*

*Arrangiamento: Juan José Francione

** Trascrizione: Carlotta Pupulin