In 1500 per il primo giorno di Corporea a Città della Scienza.

0
435

Oltre 1.500 cittadini – secondo quanto rende noto l’ufficio stampa – hanno visitato domenica mattina Corporea, il museo interattivo sul Corpo umano inaugurato ufficialmente sabato a Città della Scienza di Napoli alla presenza delle istituzioni.

Ieri, nella prima giornata di apertura al pubblico, un fiume di ragazzi e famiglie ha affollato i tre piani espositivi alla scoperta dei mille segreti della macchina del corpo umano, muovendosi tra le aree del cervello, divertendosi con le oltre 100 installazioni interattive, gli exhibits e i game di realtà virtuale ed aumentata. Con un particolare allestimento tecnologico Corporea ha fatto divertire imparando i visitatori di tutte le età.

“Un ritorno in grande per Città della scienza”, evidenzia l’ufficio stampa, “confermato dalla grande partecipazione del pubblico, tra cui anche il sottosegretario all’Ambiente Barbara Degani, che è tornata per la seconda volta, dopo l’inaugurazione di ieri, per visitare il museo”.(ANSA).

Sono stati il Presidente del Senato Pietro Grasso e il governatore della Campania Vincenzo De Luca a tagliare il nastro di Corporea, il nuovo museo interattivo all’ interno di Città della Scienza. Grasso e De Luca hanno visitato diversi padiglioni soffermandosi davanti ai monitor interattivi sui segreti del corpo umano. La contemporanea apertura al pubblico, che ha preso d’ assalto il museo, ha generato ressa all’ ingresso e lunghe file.

Un viaggio nei segreti del corpo umano per poi voltarsi con il naso all’insù e perdersi tra stelle e universo, tutto in 3d. E tutto in unico grande complesso scientifico che vuole essere anche un attrattore turistico. Dopo il terribile rogo doloso di quattro anni fa, Città della Scienza riparte da Corporea, il primo museo interattivo europeo dedicato al corpo umano e dal più grande Planetario in 3d in Italia. Due inaugurazioni-evento (il Planetario sarà aperto al pubblico dal 19 marzo) nel giorno in cui ricorrono quattro anni (era il 4 marzo 2013) dall’incendio che ne distrusse il museo sulle rive di Bagnoli, a Napoli. Il presidente del Senato Pietro Grasso allora fu tra i primi a esprimere la solidarietà delle istituzioni. E oggi è di nuovo qui a sancire la rinascita del complesso scientifico partenopeo che, sottolinea, “è un polo importante per tutto il Paese”. I comitati di quartiere hanno protestato contro la realizzazione di un cavalcavia che collega Corporea con il resto della struttura.

LASCIA UN COMMENTO