2 aggressioni ad operatori 118 nella notte.

0
301
Un'ambulanza sul luogo dove un uomo di 63 anni, ucciso con diversi colpi di pistola, è stato trovato all'interno della propria auto al piano interrato dei box in un condominio di Cernusco sul Naviglio (Milano), 16 ottobre 2019. A scoprire il corpo è stato un residente. ANSA/DUILIO PIAGGESI
compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

Nuove aggressioni a Napoli ai danni di personale del 118; la notte scorsa, secondo quanto denuncia la pagina FB ‘Nessuno tocchi Ippocrate’, se ne sono registrate due.

All’1.30 l’ambulanza 118 della Ferrovia è stata allertata per un incidente motociclistico in Via Brin. A quanto ricostruito dall’equipaggio, il centauro – che portava sulla moto una giovane ragazza – stava impennando il mezzo quando è caduto. Dopo pochi minuti l’equipaggio del 118 ha effettuato il triage classificando l’uomo come il più grave.

“Il ferito – è scritto nella pagina – è stato caricato sul mezzo di soccorso tra le urla dei presenti che pretendevano il trasporto simultaneo della ragazza. Il responsabile dell’unità di soccorso ha spiegato che era in arrivo un’altra ambulanza ma i presenti non hanno voluto sentire ragioni, hanno cominciato ad aggredire l’equipaggio con pugni e spintoni, a quanto riferito, il tutto davanti ad una pattuglia dei carabinieri e dell’Esercito”.

“Tra mille difficoltà – riferisce ancora ‘Nessuno tocchi Ippocrate’ – l’unità di soccorso è partita alla volta dell’Ospedale del Mare. Dopo poco è arrivata la postazione 118 di Piazza Nazionale a soccorrere la ragazza, Stesso trattamento selvaggio”.
Scrive ancora l’associazione: “Pugni e spintoni non saranno considerate lesioni gravi o gravissime e gli aggressori resteranno impunti. Questa è la nuova legge!”. (ANSA).

funshopping.it è il marketplace dedicato ai piccoli commercianti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here