25 aprile, Mattarella ad Acerra: qui la più feroce strage. Ma il vescovo: poco e niente su terra dei fuochi, oggi la resistenza è sull’inquinamento.

142
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ricorda le vittime dell’eccidio nazista ad Acerra, 25 Aprile. 2022. ANSA/CESARE ABBATE
Villaggio turistico camping Golden Beach a Paestum nel Cilento direttamente sulla spiaggia

E’ stato delineato “con precisione il quadro storico in cui avvenne la criminale rappresaglia che colpì, a pochi giorni dalle Quattro Giornate di Napoli, questa città del Mezzogiorno.

Non fu l’unica, purtroppo, ma la più grave, in termini di vittime, della Campania.

Quasi novanta morti, tra cui donne, anziani, bambini. Una strage che seguì a un tentativo di ribellione e che ci aiuta a comprendere maggiormente il ruolo che ebbero anche le popolazioni meridionali nella lotta di Liberazione. In Campania, soprattutto nel territorio a sud del Volturno, nelle grandi conurbazioni, da Napoli a Castellammare ad Acerra a Caserta a Capua, si verificò un alto numero di conflitti armati tra popolazione e soldati tedeschi”. Lo ha detto il presidente Sergio Mattarella parlando ad Acerra in occasione del 25 aprile.

Non nasconde la sua delusione il vescovo di Acerra, monsignor Antonio Di Donna: a suo dire la cerimonia, alla presenza del Presidente Mattarella, per celebrare la Liberazione non si è soffermata abbastanza sulle tematiche ambientali sempre attuali ad Acerra, già cuore della cosiddetta Terra dei Fuochi.

“Sono contento per la visita di Mattarella. Ma oggi – ha detto il vescovo – la Resistenza qui è contro l’inquinamento ambientale che produce i suoi martiri. E forse mi sarei aspettato di più anche dal Presidente. Voglio molto bene a Mattarella, ma mi aspettavo un maggiore riferimento alla lotta contro l’inquinamento”. (ANSA).

Advertisements