Accordo Comune di Napoli e Terna SpA sulle ulteriori opere di compensazione per il riassetto della rete elettrica.

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

La Giunta Comunale ha approvato le ulteriori opere di pubblica utilità di compensazione e riequilibrio ambientale connesse al riassetto della rete elettrica nel Comune di Napoli che la Società Terna sta realizzando. Nell’ambito delle compensazioni ambientali la società Terna ha già posto in essere vari interventi tra cui, interramenti di linee aeree già esistenti, bonifiche nel corso della posa su strada di situazioni preesistenti quali ad esempio, la rimozione di binari del tram non più utilizzati, miglioramenti di tappetini stradali, interventi di ripristino tra cui il marciapiede del lungomare Caracciolo.

“Nell’ambito delle possibili misure compensative” ha precisato l’assessore Cosenza “il tavolo tecnico coordinato dall’Area Infrastrutture ha stabilito che il budget residuo destinato alla compensazione, pari a 1.200.000 di euro, sarà utilizzato per realizzare sia la progettazione di opere strategiche che è prioritario acquisire per accedere ai finanziamenti per la loro realizzazione, sia puntuali interventi di restauro e conservazione del patrimonio culturale urbano che contribuiscono alla conservazione di elementi distintivi della città”.

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Nel dettaglio si tratta di tre importanti interventi: infrastrutturali (la progettazione definitiva della Stazione Sant’Elmo della Funicolare di Montesanto), ambientali (la progettazione definitiva della fognatura Contrada Pisani e adeguamento del progetto esecutivo della sistemazione del Vallone San Rocco III lotto) e infine di conservazione del patrimonio culturale (progettazione e lavori per il restauro della guglia di San Gennaro e dell’edicola di San Gennaro).