Accusati di essere al soldo degli scissionisti, Carabinieri assolti.

0
255
L.ELETTORALE: MASTELLA, CRISI DI GOVERNO SE C'E' REFERENDUM 20070410 - NAPOLI- POLITICA Il ministro di Giustizia Clemente Mastella all'inaugurazione del nuovo ingresso e di una sala informatica del palazzo di Giustizia di Napoli. Mastella e' intrevenuto anche sul referendum per la legge elettorale che porterebbe al rischio di di una crisi di governo. ''Lo dico con chiarezza - sottolinea - quando si andra' al referendum noi non ci saremo. Se c'e' il referendum il rischio e' la crisi di governo. Questo senza nessun tema di smentita''. ''Fare il ministro della Giustizia mi soddisfa - aggiunge - ma prima viene la logica del mio partito e la governabilita'. Una volta garantita la governabilita' credo che tutto il resto sia noia''.
Con Funshopping.it lavora da casa e guadagna on line generando un reddito aggiuntivo

Erano stati accusati da un collega di essere “stipendiati dal clan degli scissionisti”, i tre carabinieri che oggi il collegio B della prima sezione del Tribunale di Napoli ha assolto con la formula “il fatto non sussiste”.

Gli appuntati Giuseppe Lisco, Andrea Corciulo e Giuseppe Costanzo, all’epoca dei fatti contestati in servizio presso nella stazione dei carabinieri di Napoli-Marianella, erano stati accusati di corruzione aggravata dopo le dichiarazioni rese da un loro collega, il vice brigadiere Mario Tomarchio, il quale riferì che, come lui, anche i tre appuntati erano stipendiati dal clan degli scissionisti di Secondigliano.

Un’accusa che Tomarchio ritrattò, nel corso di un’udienza del processo che risale al 4 aprile di due anni fa (2019), durante la quale affermò di essersi inventato tutto per ottenere uno sconto di pena: “quei tre carabinieri non hanno preso un soldo dal clan”, disse. L’ex vice brigadiere Tomarchio, invece, era stato condannato a 12 anni di reclusione e venne chiamato dagli inquirenti della DDA a deporre al processo per corruzione aggravata.

Oggi la sentenza, e soprattutto la formula con la quale sono stati assolti, riabilita i tre carabinieri. L’assoluzione peraltro era stata chiesta anche dal sostituto procuratore di Napoli Vincenza Marra.

“Oggi, per questi tre innocenti Carabinieri, si conclude un incubo durato 12 anni”, ha detto il legale dei militari, l’avvocato Bruno Cervone, dopo la lettura della sentenza.

“Abbiamo sempre ribadito e dimostrato, – ha aggiunto il legale – nel corso del dibattimento, la nostra innocenza fornendo documentali, oggettive ed inequivocabili confutazioni alle accuse rivolte ai miei assistiti”. “Basti pensare che, – ha detto ancora Cervone – alla fine dell’iter processuale, è stata la Procura stessa a chiedere l’assoluzione. Sono felicissimo per i miei assistiti e auguro loro di poter ritrovare presto la serenità perduta per aver vissuto, da innocenti, un interminabile incubo durato più di un decennio”. (ANSA).

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here