Agguato di Castel Volturno, Carabinieri arrestano 5 persone. Cantalamessa (Lega): territorio fuori controllo.

0
259
Villaggio Turistico Golden Beach a Paestum in Cilento, bandiera blu, prenota la tua vacanza al mare

Cinque persone ritenute appartenenti al gruppo camorristico “Sorianiello” accusate, a vario titolo, di omicidio, tentato omicidio, porto e detenzione illegale di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti aggravati dal metodo mafioso, sono state arrestate dai carabinieri Comando Provinciale di Napoli e del Reparto Territoriale di Mondragone (Caserta).

Le indagini coordinate dalla DDA hanno fatto luce sull’agguato scattato a Castel Volturno, in provincia di Caserta, il 10 settembre 2020, durante il quale venne ucciso Desmond Oviamwonyi e ferito Morris Joe Iadhosa: il primo coinvolto nella sottrazione di una busta di sostanza stupefacente, marijuana e cocaina, per un valore sul mercato di circa 40.000 euro (droga destinata a rifornire la piazza di spaccio “della 99”, così chiamata perché sita nell’omonimo complesso abitativo del Rione Traiano); il secondo estraneo alla vicenda.

La spedizione punitiva venne architettata per colpire Oviamwonyi e un altro nigeriano Leo Uwadiae, con i quali i “Soraniello” avevano stipulato un patto: il pagamento di 2mila euro per la restituzione della droga. Ma Oviamwonyi e Uwadiae si rifiutarono di consegnare la busta prima di avere tra le mani la somma di danaro richiesta. Fu così che il gruppo criminale decise di punirli con un raid durante il quale vennero sparati numerosi colpi di pistola. A farne le spese fu anche Iadhosa.

“L’operazione dei carabinieri del comando provinciale di Napoli e del reparto di Mondragone sarebbe da prima pagina su tutti i giornali. Castelvolturno è uno dei territori più pericolosi e difficili d’Italia, preda di un’immigrazione clandestina e di una criminalità fuori controllo. Detenzione illegale di armi, spaccio, reati aggravati da metodo mafioso. Le indagini hanno consentito di ricostruire la dinamica dell’agguato del settembre 2020 ai danni di due nigeriani: avevano rubato droga per 40mila euro al clan Sorianiello. A Castelvolturno è infatti guerra per chi detiene il controllo del territorio. Le spedizioni punitive non sono un ricordo del passato, ma il presente che lo Stato sta combattendo con le unghie e con i denti. L’obiettivo è liberare la provincia di Caserta il prima possibile da questo incrocio mortale di criminalità locali ed importate”.
Così il deputato Gianluca Cantalamessa, responsabile del dipartimento Antimafia della Lega.
compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here