Camorra, Carabinieri arrestano 2 persone a Castellammare per omicidio del 2006.

0
150
I carabinieri sul luogo dove un operaio italiano di 60 anni è morto, probabilmente folgorato, mentre stava facendo lavori di manutenzione all'impianto elettrico di una cartiera a Mesola, in provincia di Ferrara, 27 maggio 2020. L'uomo, di Porto Tolle (Rovigo) è morto per arresto cardiocircolatorio, ma probabilmente verrà fatta l'autopsia. ANSA / us carabinieri +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++
Lavora da casa e guadagna on line generando un reddito aggiuntivo

I carabinieri di Napoli hanno arrestato due persone ritenute coinvolte nell’omicidio di Pietro Scelzo, ucciso il 18 novembre 2006 nell’androne del cortile della propria abitazione, a Castellammare di Stabia (Napoli), con undici colpi di arma da fuoco esplosi da una pistola calibro 9.
I militari dell’arma hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dall’ufficio gip del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia; i destinatari dei provvedimenti sono Antonino Esposito Sansone, 57 anni, e Vincenzo Ingenito, 44 anni.

L’omicidio di Scelzo, detto “o’ nasone”, avvenne nel centro storico di Castellammare di Stabia nell’ambito di una guerra tra clan estremamente violenta e caratterizzata da numerosi delitti che vide l’organizzazione camorristica dei D’Alessandro impegnata ad affermare il proprio predominio nelle piazze di spaccio della zona a scapito del clan rivale Omobono-Scarpa.

Scelzo venne ucciso con particolare ferocia e premeditazione perché decise di passare nelle fila del clan rivale degli Omobono-Scarpa, per conto del quale stava gestendo lo spaccio di sostanze stupefacenti nel quartiere “Centro Antico” di Castellammare. (ANSA).

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here