Il Concerto di Capodanno della Nuova Orchestra Scarlatti, domenica 1 al Teatro Mediterraneo della Mostra d’Oltremare.

0
152

Si rinnova anche per il 2017 il classico appuntamento benaugurale con il Concerto di Capodanno della Nuova Orchestra Scarlatti che, ormai da 22 anni, dà il benvenuto al  nuovo anno. Domenica 1 gennaio alle ore 19:30 al Teatro Mediterraneo della Mostra d’Oltremare risuoneranno nuovi ritmi, nuovi colori, nuove emozioni per una formula di successo collaudata negli anni, sempre sold out.

Un programma variegato adatto a tutte le età, gusti e provenienza, non solo per il pubblico napoletano dunque ma anche per i tantissimi turisti presenti in città, inserito tra gli eventi di punta  del “Natale a Napoli 2016 – ‘e pazzielle”, la rassegna promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli.

Sul palco del Teatro Mediterraneo risuonerà il brio del Rossini italiano e anche un po’ “napoletano” della Sinfonia dall’opera Elisabetta, regina d’Inghilterra, la Vienna delle vivacissime Polke di Strauss ma anche la Spagna di de Falla, di Pablo de Sarasate con la Fantasia su temi della Carmen di Bizet per proseguire con l’America e una particolare versione della Rhapsody in Blue di Gershwin. Gran finale ancora con Napoli e le sue più note pagine strumentali e melodie, ormai ambasciatrici della città nel mondo. Il tutto diretto dalla giovane e brava Beatrice Venezi, 26enne presente in prestigiosi cartelloni italiani ed esteri. Sul palco un altro precoce e promettente talento: il diciannovenne salernitano Gennaro Cardaropoli, vincitore del Premio Abbado 2015 quale migliore giovane violinista italiano.

Biglietto con posto numerato: € 22,00 (più prevendita)

(ridotto Ami Scarlatti: € 15,00 – acquistabile on line inserendo il proprio codice, oppure al botteghino il giorno del concerto)

 

prevendita on line: sul sito www.azzurroservice.net e presso le prevendite abituali

vendita al botteghino: Teatro Mediterraneo, l’1 gennaio dalle ore 18.00

 

Info: 081.410175

info@nuovaorchestrascarlatti.it  

LASCIA UN COMMENTO