Da tre mesi senza stipendio, si ferma il trasporto pubblico a Capri.

130

Gli autisti e i meccanici dell’Atc di Capri da tre mesi senza stipendio, questa mattina, hanno deciso di incrociare le braccia e si sono radunati in assemblea permanente, con astensione dal lavoro, nei pressi dell’autoparco aziendale.

Lo rende noto un comunicato dell’Usb.

“Una situazione esplosiva, – spiega la nota del sindacato – precipitata dopo l’esito negativo dell’incontro in Prefettura del 17 gennaio scorso quando la Città Metropolitana di Napoli e l’Azienda non sono riusciti a garantire il pagamento immediato dei salari arretrati. I dipendenti aspettano di ricevere la tredicesima mensilità, gli stipendi di dicembre e gennaio, i ticket e le competenze arretrate”.

“Chiediamo scusa all’utenza per i disagi procurati – dichiara Francesco Chierchia autista e Rsa dell’Unione Sindacale di Base – ma non abbiamo più nemmeno i soldi per pagare i mutui, le bollette ed acquistare i generi di prima necessità. Una situazione drammatica per le nostre famiglie, molte delle quali monoreddito. Per poter andare avanti siamo costretti a chiedere soldi in prestito a parenti e amici”.

“I lavoratori sono esasperati, pretendono una risoluzione definitiva della vicenda – dichiara Adolfo Vallini dell’esecutivo Usb lavoro privato – chiediamo alla Città Metropolitana di Napoli di farsi carico degli stipendi per conto dell’azienda, nonché di verificare la sostenibilità delle concessioni affidate all’Atc”. (ANSA).

Advertisements
Villaggio turistico camping Golden Beach a Paestum nel Cilento direttamente sulla spiaggia