De Luca: niente feste in piazza a Natale e Capodanno.

0
89

Vietati assembramenti e la vendita di alcolici il 24 dicembre e divieto di svolgere feste in piazza a Capodanno. Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca firmerà tra oggi e domani due ordinanze con le quali sarà disposta una “stretta” alla movida nei giorni della Vigilia di Natale e di San Silvestro. “Come abbiamo già fatto lo scorso anno”, ha spiegato De Luca questa mattina nel centro storico di Napoli per la presentazione del progetto di recupero di Palazzo Penne.

“Fra oggi e domani – ha detto – la Regione Campania emetterà delle ordinanze che vietano la vendita di alcolici e vietano gli assembramenti alla vigilia di Natale e anche un’ordinanza che vieta le feste in piazza di Capodanno”. Secondo De Luca sono da evitare “assembramenti di decine di migliaia di persone senza mascherine e un po’ su di giri come è inevitabile che sia a Capodanno. Credo che si debba vietare ogni festa in piazza se vogliamo stare tranquilli nei mesi successivi, perché rischiamo, per la follia di una settimana, di essere chiusi tutti per mesi dopo Capodanno”.

De Luca si è poi detto “d’accordo, per il punto a cui siamo arrivati era necessario prorogare lo stato di emergenza”. “C’è un andamento del contagio che è talmente preoccupante da motivare ordinanze di prudenza e di contenimento dei contagi”, ha aggiunto.

Quanto alle vaccinazioni anti Covid per i bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni, il governatore ha reso noto che “a ieri in Campania avevamo 3mila prenotazione per la fascia 5-11 anni, in Lombardia sono già a 40mila prenotazioni. E’ chiaro che siamo in ritardo, che nel Sud c’è un eccesso di preoccupazione. Dobbiamo recuperare, ma con molta pazienza e sensibilità nei confronti delle mamme e dei bambini”. Secondo De Luca “il messaggio” da trasmettere alle famiglie “è di avere fiducia, non nei responsabili politici, ma nei primari di pediatria del Bambino Gesù, del Santobono, del Gaslini”.

“Io credo che scontiamo mesi di disinformazione e di stupidità mediatica,dovremmo spiegare alle famiglie che il vaccino Covid è analogo al vaccino contro la poliomielite e contro il tetano. Non è facile, perché veniamo da mesi veramente di confusione e di aggressioni mediatiche davvero irresponsabili. In questo caso – sottolinea – bisogna lavorare con molta prudenza, con molta sensibilità con le famiglie”.

“Bisogna lavorare con molta prudenza, con molta sensibilità con le famiglie. Faremo tutti questo lavoro, a cominciare da me: dovrò vaccinare la mia nipotina di 6 anni e lo farò”. “E’ un tema da affrontare con grande sensibilità – ha spiegato De Luca – perché dobbiamo superare la paura delle mamme e dei papà con la persuasione e la ragione. C’è una preoccupazione reale, dobbiamo far parlare i primari di pediatria, dobbiamo persuadere i cittadini a utilizzare il vaccino per evitare conseguenze che possono essere pericolose per i bimbi in caso di contagio Covid. Questa è la ragione fondamentale, se un bambino viene contagiato rischia di avere danni anche di lungo periodo dal Covid”.(AdnKronos)

Advertisements

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here