Dipendenti malati, funicolari ferme, Mergellina per il quarto giorno consecutivo.

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Quarto giorno di disservizi per gli utenti delle funicolari di Napoli a causa prima dello sciopero di venerdì scorso e poi, da sabato, dello stato di malattia dei capiservizio dell’Azienda napoletana mobilità addetti agli impianti. Oggi la funicolare di Mergellina è chiusa. É stata attivata una navetta bus sostitutiva, la ‘621’, sul percorso (frequenza, ogni 30 minuti).

Le altre tre funicolari – Centrale, Chiaia e Montesanto – sono per il momento regolarmente in servizio. Nei giorni scorsi gli impianti, alternativamente, erano stati chiusi per mancanza di personale assente per malattia.

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Per il personale in malattia, così come nei giorni scorsi, l’azienda ha chiesto all’Inps di effettuare le visite fiscali.

Per il terzo giorno consecutivo disservizi per gli utenti delle funicolari di Napoli a causa della mancanza di personale per malattia. Domenica sia la funicolare Centrale che quella di Mergellina hanno chiuso al pubblico alle 14,10 in quanto i capi servizio di secondo turno degli impianti hanno comunicato di essere in malattia.

Anche i quattro capo servizio reperibili per garantire la continuità del servizi sono risultati in malattia. I capo servizio che hanno operato nel primo turno non hanno dato disponibilità a prolungare la loro prestazione. Per il personale in malattia l’azienda ha chiesto all’Inps le visite fiscali.

A seguito di questi eventi – spiega una nota dell’Anm – già verificatasi venerdi e ieri, l’azienda ha avviato tutte le verifiche per accertare le eventuali responsabilità connesse alla sospensione di un servizio pubblico essenziale e per definire tutte le consequenziali azioni a tutela dell’azienda.

Parlano di “situazione vergognosa” gli assessori comunali Panini e Calabrese. (ANSA)