Doce.Dodici, l’arte contemporanea spagnola esposta all’Instituto Cervantes di Napoli.

0
76

MECA Mediterráneo Centro Artístico ( Spagna ) presenta DOCE. DODICI

Instituto Cervantes di Napoli

Instituto Cervantes di Napoli

Via Nazario Sauro, 23
80132 Napoli

 

Dal 22 gennaio al 16 maggio 2014

 

www.centromeca.com

Il numero Dodici è stato in tutta la storia dell’umanità più rappresentativi ed enigmatico. Nelle sue sfondi mitologici, filosofici, religiosi o scientifici dodici senso è diventata negli aspetti positivi e perfezione. Dodici ha simboleggiato anche la saggezza e l’equilibrio. In questo senso MECA Mediterraneo Art Center ha organizzato il programma Doce. Dodici. Arte Contemporanea che si terrà presso l’Instituto Cervantes di Napoli dal 22 gennaio al 16 Maggio 2014, dopo il successo dello stesso campione presso l’Istituto Cervantes di Milano.

 

MECA, ancora una volta mantiene saldo l’impegno di promuovere e diffondere l’arte contemporanea a livello internazionale e in questa occasione presenta in una mostra collettiva, le 50 opere di 12 artisti provenienti da diverse province dell’Andalusia, Burgos e Valenzia: Toña Gómez, Juan Morante, Fernando Baños, Jerónimo Muñoz, Antonio de Diego Arias, Fernando Barrionuevo, Antonio Sanz de la Fuente, Belén Mazuecos, Marie-Pierre Guiennot, Pedro Cuadra, José Francisco Martín Pastor e Tomás Cordero, più l’artista olandese di origini irachene Ali Rashid. Le opere, realizzate per questa esposizione, contemplano diverse tecniche che spaziano dalla pittura, all’installazione e all’incisione.

Durante tutto il percorso procedurale , favorita dalle varie riunioni tra gli artisti e il regista e curatore della mostra , Fernando Barrionuevo , ha creato un alone di significato comunicativo che va oltre l’evento espositivo . Questo è sicuramente importante , ma certamente la forza visualizzatore permeare i sensi espressi da ciascun artista e la duttilità del campione e tour visivo .

Il saldo Fernando Barrionuevo cercato questa mostra si basa su due concetti . Da un lato , riscoprire i singoli processi creativi degli artisti in base alla loro continuità artistica , cioè , consolidare o ridefinire la motivazione costante per la creazione di nuove opere . Così per Diego Antonio Arias , il processo creativo è scegliere di essere sul bordo di rischio , travolto trovando qualcosa di sconosciuto a Thomas Lamb ciò che conta è la confusione , le figurazioni finte e astrazioni lontano dalla tirannia del la memoria e la preponderanza dell’intelletto , o Juan Morante è l’opera stessa che si deve emozionare e stupire .

E d’altra parte , Fernando Barrionuevo ha voluto approfondire il tuffo di plastica ogni artista . Les ha spinto il record Oltre scritto al lavoro stesso, riflessioni sull’arte e esperienze di vita . Così questa mostra sarà accompagnata da una serie di interviste molto personali ciascuno.

Come attività in parallelo alla mostra si terrà il  Programa International di Art Video e Performance Video con la proiezione delle opere di 12 artiste (Ángel García Roldán, Adele Raczkovi, Anna Jonsson, María Cañas, Gitta Pardoel, Inmaculada Parra, Julio Tigre, Miguel Maldonado, Óscar Salamanca, Pablo Fernández Pujol, Verónica Ruth Frías y Bea Sánchez).

LASCIA UN COMMENTO