Investita ed uccisa da moto a Mergellina, video shock.

106

Sono immagini drammatiche, quelle contenute nel video pubblicato su Instagram dal consigliere regionale della Campania Francesco Emilio Borrelli, che riguardano il gravissimo incidente stradale avvenuto la notte tra domenica e lunedì scorsi, costato la vita di Elvira Zibra, la 34enne investita e uccisa da un centauro che, a notte fonda, procedeva, impennando, a tutta velocità lungo via Caracciolo.

La giovane, cameriera in un bar che si trova nei pressi del luogo dove è avvenuta la tragedia, aveva terminato il suo turno di lavoro.

Nelle immagini si vede chiaramente la moto che sta impennando e che procede ad alta velocita sulla via che costeggia il mare del Golfo di Napoli, parallelamente alle auto che sono parcheggiate sul lato sinistro della carreggiata.

La parte finale è la più drammatica: la moto, con la ruota anteriore sollevata dal selciato colpisce in pieno la donna, scaraventandola a molti metri di distanza dal punto dell’impatto.

I soccorsi, purtroppo, non le salveranno la vita.

Alla manifestazione organizzata a Napoli per le 11 di domani per ricordare la vittima ci saranno i familiari, ma anche commercianti, cittadini, esponenti di Europa Verde e i conduttori del programma radiofonico “La Radiazza”.

In una nota, diffusa da Borrelli, un collega della vittima, sottolinea che malgrado la tragedia, “su via Caracciolo nulla è cambiato”.

“Sono il collega della ragazza che è morta davanti ai miei occhi a via Caracciolo, – si legge  – sul lungomare non è cambiato niente, ci sono ancora ragazzi che corrono all’impazzata senza casco, senza rispettare nessun limite e passando con il rosso. Ho provato a segnalare alla polizia e alla municipale e nessuno vuole interessarsi di questa cosa.  Moriranno altre persone per colpa di questi irresponsabili. Mi stenderò in mezzo alla strada se nessuno interverrà”.

Borrelli, insieme con i co-portavoce dei cittadini del Sole che Ride, Nelide Milano ed Augusto Lacala, e il conduttore radiofonico Gianni Simioli, chiedono “una condanna esemplare per il pirata della strada che ha ucciso Elvira, soprattutto una giustizia rapida, e un intervento a breve per mettere in sicurezza questa zona della città da tempo teatro di sanguinosi incidenti. Urgono nuove e più efficaci misure per fermare i pirati della strada e limitare gli incidenti dovuta all’alta velocità”.

Le indagini sull’accaduto, da parte della Polizia Municipale coordinata dal dirigente Antonio Muriano e sotto la supervisione della Procura di Napoli, intanto vanno avanti: il conducente della moto, un giovane residente nel Napoletano, è indagato a piede libero per omicidio stradale aggravato (era alla guida pur non avendo la patente) e la sua posizione potrebbe ulteriormente aggravarsi se i risultati dei test tossicologici, attesi nei prossimi giorni, dovessero dare esito positivo. (ANSA)

Advertisements