La Dia scopre l’accademia della camorra.

0
146
La Dia di Messina, su proposta del Direttore della DIA, Giuseppe Governale, e del Procuratore Maurizio De Lucia, sta eseguendo un provvedimento di confisca, emesso dal Tribunale di Messina - Misure di Prevenzione, nei confronti di Pietro a Nicola Mazzagatti, di Santa Lucia del Mela (Me), ritenuto appartenente al clan mafioso di Barcellona Pozzo di Gotto. ANSA/DIA EDITORIAL USE ONLY NO SALES
compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

Una pletora di aspiranti camorristi, organizzati in bande, giovani che magari non hanno legami con le organizzazioni criminali ma che agiscono con la stessa violenza esasperata, spesso protagonisti di aggressioni per futili motivi in danno di altri coetanei. E’ questo universo – secondo la relazione semestrale della Dia a costituire “l’Accademia della camorra”.

Per la Direzione investigativa antimafia si tratta di un efficace percorso di formazione e selezione della futura leadership da cui emergeranno i nuovi capi in base alle capacità di dare ordini, stringere alleanze e di essere punto di riferimento nell’azione criminale”.

Protagonisti di questo fenomeno sono giovani che provengono da territori dove si concentrano povertà, emarginazione, assenza di valori familiari, elevatissimi tassi d’evasione scolastica e mancanza di occasioni di lavoro legale. A questa realtà si aggiunge la schiera di ragazzi che appartengono a famiglie mafiose e vengono iniziati dagli stessi genitori ad attività criminali. (ANSA)

funshopping.it è il marketplace dedicato ai piccoli commercianti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here