La Scienza sale sul palcoscenico della Sala Assoli. Quattro Assoli di Scienza innovativi al via martedì 27.

0
145

La Sala Assoli si trasforma in un Luogo di Scienza per incontrare il pubblico attraverso una proposta culturale innovativa che porta sul palcoscenico argomenti di interesse scientifico declinati nei linguaggi propri della tradizione artistica per avviare una riflessione su argomenti sensibili, attuali e complessi, che attraversano in vari modi la nostra vita quotidiana.

Dodici incontri ‘polifonici’ a due voci (lo spettacolo e il pubblico) per parlare di Scienza deliberata, Genetica e medicina, Biomateriali e cyborg e rapporto Scienza e società.

Il primo appuntamento di “Assoli di Scienza” è legato al rapporto tra Genetica e medicina. Martedì 27 novembre 2018 alle ore 20,30 e mercoledì 28 novembre 2018 alle ore 9,30 e ore 11,30 andrà in scena “Lotteria Nucleare”, una produzione de Le Nuvole che ha ricevuto la targa Special teatro d’impegno civile e Targa Speciale Teatro.Org nell’ambito del Festival La corte della Formica 2009.

Il testo di Francesco Feola è interpretato da Enzo Musicò, la regia affidata a Carlo Bellamio; il disegno luci è di Riccardo Cominotto; gli oggetti di scena sono a cura di Luciana Florio.

Il testo racconta la storia di un ingegnere nucleare italiano di mezza età, scapolo incallito e un po’ cinico, inviato a Cernobyl diciannove anni dopo l’incidente, per controllare la situazione. Sarà un’esperienza che lo cambierà radicalmente, imprimendo una svolta imprevista alla sua vita.

Il cinico ingegnere nucleare entra in scena, in uno spazio ibrido che è sottoscala, stanza d’ospedale ma anche cucina con tanto di pentole e fornelli e utensili. Mentre cucina, racconta la sua storia personale e scopriamo qual è la vicenda inattesa, accaduta non a caso nei pressi di Cernobyl, che cambia radicalmente la sua monotona e impassibile vita.

La rassegna proseguirà il 22 gennaio 2019 (ore 20,30) e 23 gennaio 2019 (ore 9,30 e ore 11,30) con un lavoro dedicato al tema ‘Biomateriali e Cyborg’. Andrà in scena “Nanometamorfosi”, una produzione Le Nuvole su testo e regia di Fabio Cocifoglia.

Il 19 febbraio 2019 (ore 20,30) e 20 febbraio 2019 (ore 9,30 e 11,30) andrà in scena – per il tema ‘Scienza e Società’ – “Relatività. La rivoluzione” di e con Federico Benuzzi.

“Assoli di Scienza” si concluderà il 2 aprile 2019 (ore 20,30) e 3 aprile 2019 (ore 9,30 e ore 11,30): la Sala Assoli ospiterà “Tolemaici e Copernicani”, una produzione Le Nuvole scritta e interpretata da Massimo Ruccio.

 

Locandina

 

Sala Assoli, vico Lungo Teatro Nuovo 110_Napoli

> repliche pomeridiane_€ 10 in prevendita su www.etes.it (e relativi punti vendita) o presso botteghino Sala Assoli_abbonamento € 30

> repliche diurne per la scuola _€ 8 | abbonamento € 24 su prenotazione a Le Nuvole 0812395653 (feriali 9/17) 0812395666 (anche in orari spettacoli) scienza@lenuvole.com

gratuito per docenti iscritti al corso di formazione COm_unica. Modalità innovativa per comunicare la scienza e per studenti di Alternanza Scuola Lavoro (previo accordo con Le Nuvole).

Schede di “Assoli di Scienza”

Genetica e medicina

27 novembre 2018 ore 20,30 e 28 novembre 2018 ore 9:30 e ore 11:30

LOTTERIA NUCLEARE

una produzione Le Nuvole

testo Francesco Feola; regia Carlo Bellamio; con Enzo Musicò; disegno luci Riccardo Cominotto; oggetti di scena Luciana Florio

Targa Special teatro d’impegno civile e Targa Speciale TEATRO.ORG nell’ambito del Festival La corte della Formica 2009

 

Un ingegnere nucleare italiano di mezza età, scapolo incallito e un po’ cinico, è inviato a Cernobyl diciannove anni dopo l’incidente, per controllare la situazione. Sarà un’esperienza che lo cambierà radicalmente, imprimendo una svolta imprevista alla sua vita.

“E se io incanalo questo vapore ottengo un getto caldo potentissimo, un phon gigante con il quale far girare una turbina. E la turbina quando gira che fa? Produce energia elettrica, né più né meno di una dinamo di bicicletta. Tutto qua. A lei sembra normale aver paura di una pentola?”

Il cinico ingegnere nucleare entra in scena, in uno spazio ibrido che è sottoscala, stanza d’ospedale ma anche cucina con tanto di pentole e fornelli e utensili. Mentre cucina racconta la sua storia personale e scopriamo qual è la vicenda inattesa, accaduta non a caso nei pressi di Cernobyl, che cambia radicalmente la sua monotona ed impassibile vita.

 

-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.–.-.-.-.–.-.-.-

 

Biomateriali e Cyborg

22 gennaio 2019 ore 20,30 e 23 gennaio 2019 ore 9:30 e ore 11:30

NANOMETAMORFOSI

una produzione Le Nuvole

testo e regia Fabio Cocifoglia; con Enzo Musicò; oggetti Fabio Lastrucci; consulenza scientifica Guglielmo Maglio; didattica a cura di Massimo Ruccio.

 

In molti ormai parlano di nanotecnologie ma pochi sanno realmente di che cosa si tratta. E non ci sentiamo di dire che è un male non sapere come funzionino le applicazioni delle nanotecnologie mentre diverso è il fatto di non conoscerne l’esistenza.

E arriva puntuale come un orologio lo scienziato, che mi fissa dritto negli occhi e mi dice: la parola chiave è MINIATURIZZAZIONE. Che ci ho messo più tempo a imparare a dirlo, che a capire che cos’è”.

Il funzionamento, il capirne il perché e il come possono essere di competenza di chi fa scienza ma le implicazioni sociali non possono essere trascurate dal cittadino di oggi, soprattutto se uno dei cardini del modello di sviluppo europeo prevede la costruzione di una democrazia partecipata per la realizzazione della società della conoscenza.

 

-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.–.-.-.-.–.-.-.-

 

Scienza e società

19 febbraio 2019 ore 20,30 e 20 febbraio 2019 ore 9:30 e ore 11:30

RELATIVITA’. LA RIVOLUZIONE

testo di Federico Benuzzi; con Federico Benuzzi

 

La storia di cui vi voglio parlare è quella di una domanda, della sua formulazione, del lavoro fatto per darle una risposta e delle conseguenze a cui ha portato il solo porsela. Conseguenze del tutto inaspettate e rivoluzionarie. Una rivoluzione del pensiero, della concezione del sé, del mondo.

“La domanda di cui vi parlerò è apparentemente semplice, talmente intuitiva da sembrare sciocca. Ma imparerete, ascoltando questa storia, che le domande sciocche non esistono…. Anzi… Vedrete come la sua prima formulazione fu sbagliata per ingenuità, fretta probabilmente e troppa fiducia nelle proprie idee sul mondo. Idee formulate non attraverso l’osservazione ma con la sola disquisizione filosofica… ci vollero quasi 1500 anni per porre la domanda nel giusto modo”.

E poi parleremo di un lavoro lungo altri 300 anni, frutto del contributo di tre grandi che si sono susseguiti come in una inconsapevole staffetta. Galilei: il primo a porre la domanda nel giusto modo, a trovarne una risposta logico-intuitiva, a darne una convincente verifica sperimentale. Newton: colui che ne fornì una formalizzazione elegante, piena, efficace, potente. Einstein: un sognatore che, seguendo una buffa intuizione, trovò finalmente la tanto agognata risposta e aprì il vaso di Pandora…

Di tutte le risposte possibili quella trovata, ormai cent’anni fa, non solo la troverete sorprendente, al limite del credibile: scoprirete che fu anche il “la” per un cambiamento epocale. Come già accennato, un cambiamento della concezione del mondo e dell’Universo, del tempo e del sé. Una vera e propria rivoluzione, crollo delle certezze, inizio di un nuovo viaggio, forse ancora più entusiasmante del precedente. Un mondo fatto di nuove domande, ancora aperte, che cercano risposte.

E così, strada facendo, parleremo di storia, filosofia, aneddoti, intuizioni, scommesse, errori, sbagli trasformati in vittorie e duro, durissimo lavoro. E ancora di tempo e spazio, onde gravitazionali, Big Bang e buchi neri, Universi paralleli e… sino a proporre una risposta alla domanda delle domande: perché esiste la vita?

 

-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.–.-.-.-.–.-.-.-

 

Scienza deliberata

2 aprile 2019 ore 20,30 e 3 aprile 2019 ore 9:30 e ore 11:30

TOLEMAICI E COPERNICANI

una produzione Le Nuvole

testo di Massimo Ruccio, con Massimo Ruccio

 

L’astronomia è scienza antica. Il cielo è stato la sede del mito e dei racconti fantastici, poi è divenuto orologio, mappa, calendario. Dalle prime confuse osservazioni Tolomeo ne ha tratto un meccanismo elegante, Copernico, secoli dopo, ha trovato un altro punto di vista. Ora, noi, siamo sotto la tazza capovolta del cielo, non è una questione sulla quale si possa opinare, uno ha torto l’altro ha ragione. Ma la ragione deve lottare per farsi strada, le prove devono essere inoppugnabili, devono placare i dubbi ed avere il coraggio di imporsi anche quando sembrano assurde, anche quando suonano blasfeme.

“… forse la Santità Vostra si aspetterà di udire da me come mi sia venuto in mente di osare di immaginarmi un movimento della Terra…”

 

-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.–.-.-.-.–.-.-.-

 

Sala Assoli, vico Lungo Teatro Nuovo 110_Napoli

> repliche pomeridiane_€ 10 in prevendita su www.etes.it (e relativi punti vendita) o presso botteghino Sala Assoli_abbonamento € 30

> repliche diurne per la scuola _€ 8 | abbonamento € 24 su prenotazione a Le Nuvole 0812395653 (feriali 9/17) 0812395666 (anche in orari spettacoli) scienza@lenuvole.com

> gratuito per docenti iscritti al corso di formazione COm_unica. Modalità innovativa per comunicare la scienza e per studenti di Alternanza Scuola Lavoro (previo accordo con Le Nuvole)

LASCIA UN COMMENTO