La vetta più alta della Penisola Sorrentina, sabato 2 a cura di AIGAE.

0
80

“ Sabato 2 Giugno, in occasione delle Giornate Nazionali delle Guide Ambientali Escursionistiche, in programma in tutta Italia – ha affermato Paola Napolitano, Guida AIGAE e geologo –  seguiremo un percorso affascinante che attraverso una faggeta secolare raggiungerà il Molare, la vetta più alta della Penisola Sorrentina, con un panorama mozzafiato a 360°. Due guide esperte in maniera simpatica e divertente vi racconteranno curiosità geologiche, botaniche e storiche.

Il Monte Faito è costituito prevalentemente da calcari e dolomie depostesi in mare poco profondo tra 160 ed 80 milioni di anni fa, che in seguito a complessi movimenti tettonici hanno raggiunto l’attuale posizione con il M. San Michele (1444 m) che rappresenta la vetta più alta dei Monti Lattari. L’assetto geologico e geomorfologico hanno fortemente condizionato lo sviluppo della vegetazione e delle attività umane nel corso dei secoli. Il bosco del Faito, caratterizzato dalla presenza di spettacolari faggi secolari, per secoli ha protetto le famose neviere, dove per secoli la popolazione locale ha conservato il ghiaccio da utilizzare durante la calura estiva, attività abbandonata solo di recente con l’avvento dei frigoriferi”.

Paola Napolitano, geologo e guida AIGAE, e Franco De Simone, guida AIGAE di Positano, conoscitore di tutti i segreti della costiera Amalfitana, uniranno le proprie esperienze per farvi scoprire questo territorio nella sua complessità ed unicità con una piacevole escursione.

 

LASCIA UN COMMENTO