Morto a 87 anni la leggenda del rock’n’roll Jerry Lee Lewis.

110
epa01567574 US Rock'n'Roll legend Jerry Lee Lewis performs on stage during his concert at Gasometer in Vienna, Austria, 03 December 2008. He was supported by British boogie woogie pianist Ben Waters. EPA/Herbert P. Oczeret

 Brani indimenticabili come ‘Great Balls of Fire’ entrato poi nella colonna sonora di ‘Top Gun’ lo avevano portato a meta’ anni Cinquanta nell’Olimpo del rock’n’roll: Jerry Lee Lewis, soprannominato ‘The Killer’, e’ morto oggi a 87 anni nella sua casa a sud di Memphis.

Di recente entrato nella Country Hall of Fame, Jerry era da tempo in malferma salute e due giorni fa il sito di gossip Tmz ne aveva annunciato prematuramente la morte per poi correggersi rapidamente.

Nato in Louisiana in una famiglia poverissima che aveva ipotecato la casa per comprargli il primo pianoforte, Jerry aveva imparato da solo a suonare e a 14 anni si era esibito per la prima volta in pubblico in un concessionario di auto locale.

Da bambino frequentava una scuola evangelica: ne fu cacciato per aver suonato una versione boogie-woogie di “My God is Real’ considerata irriverente.

Il debutto vero e proprio fu a 21 anni: un colpo di fortuna. Con tempismo impeccabile si era presentato ai Sun Studios di Memphis chiedendo un’audizione. Sun Records aveva appena venduto l’anno prima alla Rca il contratto di Elvis e adesso aveva bisogno di una nuova star per completare una rosa di astri nascenti come Carl Perkins, Johnny Cash e Roy Orbison. Il primo disco fu una versione con gli steroidi di ‘Crazy Arms’ di Ray Price. Con ‘Whole Lotta Shakin’ Goin’ On’ del 1957 Sun Records ottenne quello che cercava e ‘Great Balls of Fire’ in novembre di quello stesso anno sigillo’ il trionfo. Altrettanto scatenate erano le performance: Lewis saliva sul palco “come fosse posseduto dalla musica del demonio”, come la definiva lui stesso.

L’ascesa fu rapida come la caduta: nel 1958, mentre il terzo successo ‘Breathless’ saliva al secondo posto delle classifiche, Jerry si imbarco’ in un tour trionfale in Gran Bretagna e i giornalisti al seguito scoprirono che la ragazzina che viaggiava con lui, Myra Gale Brown, era la sua moglie di 13 anni e per di piu’ una cugina, e che Lewis era ancora sposato con una seconda moglie quando aveva pronunciato i suoi terzi voti nuziali. Le rivelazioni crearono uno scandalo su entrambe e le giustificazioni di Jerry non calmarono le acque: “13 anni non e’ giovane per niente, dalle nostre parti l’eta’ non conta. Ti puoi sposare a 10 anni se trovi un marito”. Il tonfo che segui’ lo mise a lungo in panchina, ma a meta’ anni Sessanta Lewis trovo’ la sua redenzione nel country.

Una ventina di album entrarono nelle top 10 del nuovo genere fino a ’39 and Holding’ del 1981. L’alcol e l’abuso di droga negli anni ’70 e ’80 ebbero pero’ un prezzo tra disastri familiari – la quarta moglie annegata in piscina, la quinta morta per overdose di metadone – e cause con il fisco. Nel 1976, mentre guardava la tv a casa della moglie, Lewis feri’ al petto il suo chitarrista, Norman Owens, mentre prendeva di mira una bottiglia di Coca Cola e la vittima fece causa. Due mesi dopo, poi, si introdusse a Graceland, la villa di Presley a Memphis, poche ore dopo esser stato fermato per guida in stato di ebbrezza. (ANSA)

Advertisements