Napoli ricorda San Luigi Gonzaga a 450 anni dalla nascita.

0
138

Sarà il Convegno storico e artistico dedicato a Luigi Gonzaga “Come gli altri, San Luigi Gonzaga (1568-1591) a 450 anni dalla nascita: ricordarlo da Napoli e dal Mediterraneo” che si svolgerà sabato 1° dicembre a partire dalle ore 9.00 ad inaugurare ufficialmente la nuova Aula Magna da 350 posti, con la quale si completano i lavori di ristrutturazione che hanno interessato, per un triennio, la storica sede della Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale intitolata a San Luigi Gonzaga e collocata a Napoli in via Petrarca e meglio nota come “Villa San Luigi” o “dei gesuiti a Posillipo”.

Luigi Gonzaga nella sua breve vita (appena ventitré anni) soggiornò anche a Napoli di cui è compatrono dal 1835.

Il nome Luigi è uno dei più diffusi nel mondo, ma la figura del santo è una delle meno studiate sebbene la sua biografia abbia ispirato predicatori e conferenzieri, una fortuna che ha attraversato i secoli. La Facoltà fu fondata nel 1565 dalla Compagnia di Gesù e da allora continua ad essere un polo di formazione e di promozione culturale riconosciuto in tutta Europa. Oltre che Albania, Malta e Romania, è lo stesso ente territoriale della Compagnia di Gesù a trasformarsi dallo lo scorso anno, in una provincia dell’euro-mediterraneo.

La nuova Provincia rilancia Napoli come luogo privilegiato del progetto di formazione internazionale e di impegno per il dialogo tra i popoli uniti dal mar Mediterraneo. Il dipartimento di Teologica dell’Italia Meridionale “San Luigi” conta attualmente circa 500 studenti provenienti da venti nazioni del mondo. La dimensione internazionale si respira anche nel corpo docente composto oltre che da italiani, da sud americani, israeliani, tunisini, palestinesi, turchi con un numero considerevole di donne. Negli ultimi anni la Facoltà lavora, a partire dal contesto mediterraneo, per una nuova teologia attenta alle condizioni geopolitiche, alla interculturalità e al dialogo interreligioso. Per questo motivo sono offerti corsi specifici sia di lingua italiana per gli studenti non madrelingua, sia di inglese, tedesco, arabo, ebraico. La biblioteca aperta tutti i giorni dalla 9 alle 18 possiede oltre 120.000 volumi ed è frequentata da molti studenti e studiosi delle altre università campane. (ANSA)

LASCIA UN COMMENTO