Premio Testimonianza, venerdì 16 alla Chiesa di Sant’Anna dei Lombardi.

0
170

Una giornata dedicata ai volontari e a chi alimenta col proprio operato la speranza. È questo il messaggio della prima edizione del Premio Testimonianza, ideato da Pasquale Riccio, presidente dell’associazione Progetto Alfa, che si svolgerà venerdì 16 febbraio alle ore 18 nella Sacrestia del Vasari della chiesa di Sant’Anna dei Lombardi (piazza Monte Oliveto, 4).

“Il premio nasce con l’intenzione di premiare uomini e donne che quotidianamente con il loro impegno testimoniano che non tutto è sbagliato e che la speranza, il rispetto delle persone, la formazione delle giovani generazioni e l’aiuto dei più deboli non sono semplici parole, ma azioni concrete”, dichiara il presidente Pasquale Riccio. Un riconoscimento, che sin dalla prima edizione, vedrà premiati alcuni dei principali protagonisti della Campania che eccelle.
Grandi nomi dell’economia come l’imprenditore Paolo Scudieri, del giornalismo come il direttore del Mattino Alessandro Barbano, menzioni speciali per il presidente Aci Antonio Coppola, il direttore del Santobono Annamaria Minicucci e il caporedattore della Tgr Antonello Perillo saliranno sul palco per ricevere l’opera realizzata dal maestro Felice Spera, scultore di opere sacre di grande pregio (l’ultima opera è stata inaugurata a Milano per la festa di Santa Barbara dedicata ai Vigili del fuoco). Non mancheranno nomi dell’università, della magistratura, dell’associazionismo e un riconoscimento particolare a un giovane volontario.
Un premio speciale sarà dedicato al cardinale Crescenzio Sepe dal comitato scientifico presieduto dall’avvocato Gennaro Famiglietti e composto da Annamaria Colao, Gianmaria Ferrazzano, Patrizia Napolitano e Katia Tulipano.

Ad allietare la serata, condotta dalla giornalista Rosanna Borzillo, il gruppo composto dal maestro Giuseppe D’Angelo, giovane talento del nostro territorio, e da Carmine Ianniciello (Violino), Fabio D’Amore (Viola), Vincenzo Palumbo (Chitarra). Presenteranno alcuni brani storici della musica partenopea.

LASCIA UN COMMENTO