Pressioni su manager, Coscioni condannato in appello.

0
201
In una foto d'archivio Enrico Coscioni, primario e consigliere per la sanità del presidente della Campania Vincenzo De Luca e presidente di Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), indagato nell'inchiesta sugli appalti del settore sanitario della Procura di Napoli in merito all'emergenza covid19, 19 febbraio 2021. ANSA/ CIRO FUSCO
Con Funshopping.it lavora da casa e guadagna on line generando un reddito aggiuntivo

La Corte di Appello di Napoli (seconda sezione, presidente Grassi) ha condannato Enrico Coscioni, ex consigliere per la Sanità del presidente della Regione Campania, a due anni di reclusione (pena sospesa) per violenza privata tentata e continuata, aggravata dall’abuso di potere.

Il sostituto procuratore generale Maria Di Addea aveva chiesto una condanna a 4 anni nei confronti di Coscioni, per tentata concussione e, in subordine, la riqualificazione del reato in tentata violenza privata che è stato riconosciuto sussistente dai giudici di secondo grado.

Coscioni venne coinvolto in un’indagine della Procura di Napoli che puntava a fare luce su presunte pressioni esercitate nei confronti di tre manager della sanità campana per indurli a dimettersi.

In primo grado venne assolto, con la formula “il fatto non sussiste”, dal collegio C della IV sezione penale del Tribunale di Napoli, con un verdetto emesso nel dicembre 2018. La Procura, però, impugnò la sentenza e presentò ricorso in appello. (ANSA).

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here