Unesco, Università Vanvitelli propone Festa di Sant’Antuono.

533
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin

Potrebbe finire accanto alla pizza napoletana, alla dieta mediterranea, o per restare in tema di eventi, alla Festa dei Gigli di Nola. Per la Festa di Sant’Antuono a Macerata Campania, storico evento che si tiene ogni anno a Macerata Campania (Caserta), potrebbe presto partire l’iter per la candidatura nella lista dei beni immateriali dell’Unesco; è stato infatti ultimato il dossier per la candidatura da parte dell’Università della Campania Luigi Vanvitelli, che lo ha approntato con i fondi della Regione.

E proprio all’ente di Palazzo Santa Lucia il dossier finirà per una valutazione; se positiva, la documentazione verrà inviata al Mibact e al Comitato Italiano Unesco per un ulteriore giudizio, e quindi a Parigi, per la valutazione conclusiva.

Intanto però, la Festa di Sant’Antuono è già accanto ad altri 58 beni immateriali della regione Campania, inseriti nell’Inventario del Patrimonio culturale immateriale campano, l’Ipic; qui compaiono la maschera di Pulcinella, il culto di San Gennaro; anche per quest’ultimo è stata avanzata candidatura all’Unesco”.

L’Inventario regionale è stato istituito nel 2017, è suddiviso in cinque sezioni (saperi, celebrazioni, espressioni, cultura agroalimentare e spazi culturali) e ha lo scopo di “salvaguardare e valorizzare il patrimonio culturale immateriale che altrimenti rischia di andare dimenticato e disperso. (ANSA).

Advertisements