Botta e risposta tra De Luca e Letta su Speranza. Il governatore: non esiste. Il segretario: è fondamentale. Cirielli (FdI): se esistesse avrebbe dovuto commissariare la sanità campana.

872

Scambio di battute a distanza tra il governatore della Campania, Vincenzo De Luca e il segretario del Pd, Enrico Letta: in mezzo il ministro della Salute, Roberto Speranza, che secondo De Luca “non esiste”, ma che per Letta è stato invece “fondamentale” per il governo.

L’attacco del presidente della Campania, una regione che più delle altre sta facendo i conti in questo periodo con la recrudescenza del covid, arriva in mattinata durante il suo intervento a “Laboratorio sanità 20/30” una due giorni in cui Agenas e istituzioni si confrontano sui temi della salute e, in particolare, della pandemia.

“Il ministero della Salute – ha detto De Luca – non esiste. Tra il ministero della Salute e la realtà concreta c’è lo stesso rapporto che esiste tra una cartomante e l’astrofisica”.

“L’ultima testimonianza dell’inesistenza del Ministero – ha aggiunto – l’abbiamo avuta a fine giugno, data di scadenza dei contratti a tempo determinato dei medici e degli infermieri delle Usca, unico presidio rimasto sul territorio. Il ministero della salute era in ferie, neanche una parola e dunque ci siamo dovuti fare carico come Regione della questione perché se avessimo contato sul ministero avremmo smantellato l’unico presidio. E’ una cosa sconvolgente ma siamo in un Paese in cui le cose concrete, i fatti non esistono”.

Mentre Speranza non replica, a prenderne le difese è alcune ore dopo, sempre a Napoli, in occasione di un evento in memoria di Guglielmo Epifani, il segretario del Pd Letta. I giornalisti gli chiedono dell’attacco di De Luca al ministro e lui risponde: “Non ho parlato con nessuno dei due”. Poi aggiunge: “Noi sosteniamo un Governo che ha avuto in Roberto Speranza un punto di riferimento fondamentale fino ad adesso. Continueremo ad avere in Roberto Speranza un punto di riferimento fondamentale.  Gode della mia fiducia totale”.

“In merito agli attacchi del governatore campano nei confronti del ministro Speranza, concordo con De Luca sull’inesistenza del Ministero della Salute in Italia: se ci fosse stato da tempo, avrebbe commissariato la Sanità in Campania”.

Lo dichiara il Questore della Camera e deputato campano di Fratelli d’Italia, Edmondo Cirielli. “Sinceramente – aggiunge l’on. Cirielli – trovo davvero surreale che il presidente De Luca, piuttosto che dare spiegazioni sul fallimento della sua disastrosa gestione della Sanità campana – che versa in uno stato vergognoso, incapace di reagire adeguatamente alla crescita esponenziale dei casi di covid sull’intero territorio, bloccando di fatto le analisi e la diagnostica per i cittadini, smantellando i Lea  e portando al collasso l’intero sistema ospedaliero e dell’emergenza – continui imperterrito, ma senza riuscirci, a tentare di scaricare le sue colpe sugli altri, come in questo caso con il ministro della Sanità.

“L’ipocrisia politica dovrebbe avere un limite. D’altronde De Luca può contare sulla fedeltà politica dei parlamentari campani del Pd per cui, se realmente fosse sincero, dovrebbe chiedere loro di presentare una mozione di sfiducia individuale contro il ministro Speranza. Fratelli d’Italia sarebbe la prima forza politica a sostenere un’iniziativa in tal senso”, conclude Cirielli.

Advertisements