Esame avvocati, slittamento pubblicazione risultati, inevitabile.

1
7607
compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

“Lo slittamento della pubblicazione dei risultati scritti sarà inevitabile”. Esordisce così La presidente di Upavv, Claudia Majolo.

“Si tratta di un’altra tegola sulla testa dei praticanti avvocati – incalza Majolo – che continuano ad attendere gli esiti per le prove scritte 2019; intanto, il Palazzo di giustizia a breve entra nel periodo di ferie e ciò comporterà, come era facilmente prevedibile e come del resto avevamo dichiarato in tempi non sospetti, lo slittamento a settembre della pubblicazione esiti”. “Per alcuni giorni – Prosegue Claudia Majolo – UPAVV ha mantenuto il silenzio, confidando che le istituzioni mantenessero lo sguardo sulla problematica dell’esame di avvocatura. Invece, nonostante si sia ormai giunti a metà luglio, periodo in cui si presumeva che sarebbero dovuti perlomeno giungere presso le CA esaminate, il Ministero continua a non fornire alcuna risposta”.

“Ebbene – incalza Majolo – e non ci stancheremo mai di ribadirlo, si è preferito che per certe categorie professionali riforme come l’orale abilitante così come per i consulenti del lavoro, che richiedono una laurea triennale rispetto alla magistrale richiesta per noi praticanti avvocati. Evidentemente cinque anni di giurisprudenza e due anni di specializzazione per il Ministero non sono abbastanza per considerarci alla pari delle altre categorie”. “Intanto secondo fonti Aiga pare che non occorrerà alcuna uniformità tra le Corti e che si procederà ad inviare i plichi singolarmente, ma intanto nessuna notizia perviene dagli uffici esami. Qualora il Ministero decida di inviare i plichi, è molto probabile che entro fine luglio avvenga l’apertura delle buste. Altrimenti la data prossima è settembre con preappello a fine ottobre ( 30gg per legge) ed esami orali fino a gennaio, con probabilità degli scritti a febbraio 2021 così i candidati del 2020 diventeranno avvocati se tutto va bene nel 2023. Ciò comporta in un ritardo nel mondo dell’accesso del lavoro, già saturo; perché il Governo sa bene che gli avvocati in Italia non rappresentano la classe dei ricchi ma nonostante tutto continuano ad esistere scuole e concorsi a pagamento, quando l’istruzione dovrebbe essere gratuita”. “Così in fin dei conti – conclude Claudia Majolo – UPAVV non molla la battaglia, poichè la sessione 2020-2021 è alle porte e con esso il destino di tanti altri praticanti”.

funshopping.it è il marketplace dedicato ai piccoli commercianti

1 COMMENTO

  1. Cosa può aspettarsi l’Italia da un guardasigilli quale bonafede? Non è ancora chiaro il suo modo di fare? Girare dischi all’infinito per la solita musica. Stesso discorso per Giuseppi. Vergogna a 5 stelle. Apriamo gli occhi cittadini alle prossime elezioni su chi difende le lobby. Vero fofo?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here