La Diffamazione: il confine sottile tra libertà di informazione, privacy e tutela della persona, seminario per giornalisti ed avvocati martedì 20 a Torre Annunziata.

2316
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin

“La Diffamazione: il confine sottile tra libertà di informazione, privacy e tutela della persona” è questo il tema di un convegno organizzato dall’associazione forense ‘In Oltre’ con il sostegno della Camera Penale del Distretto giudiziario di Torre Annunziata.

Si tratta di un incontro di riflessione e studio per avvocati e giornalisti.

Il Consiglio nazionale forense e l’Ordine dei giornalisti hanno infatti riconosciuto ai partecipanti avvocati e giornalisti 3 e 5 crediti per la formazione professionale continua.

Il convegno si terrà martedì, 20 dicembre 2022, alle ore 1530, nell’Aula Siani del Tribunale di Torre Annunziata. Sarà introdotto dall’avvocato Teresa Onesto e moderato dall’avvocato Anna Brancaccio, rispettivamente componente e presidente della associazione forense ‘In Oltre’.

Prima dell’inizio del convegno sono previsti i saluti istituzionali di: Nunzio Fragliasso, Procuratore della Repubblica di Torre Annunziata; Ernesto Aghina Presidente del Tribunale di Torre Annunziata; Renato D’Antuono Presidente della Camera Penale di Torre Annunziata.

Tra i relatori del convegno ci sono illustri giuristi del calibro di Vincenzo Pezzella, Consigliere IV sez. penale Corte di Cassazione che spiegherà “La diffamazione ed i nuovi strumenti di comunicazione – da Internet, a WhatsApp, a Twitter, a Facebook- alla luce della più recente evoluzione giurisprudenziale”. È previsto l’intervento di Raffaele Sabato, Giudice italiano della Corte Europea dei diritti dell’uomo, che si occuperà della “Giurisprudenza CEDU in materia di diffamazione, la Libertà di Stampa e la tutela delle Fonti; i personaggi pubblici”. A Mariacristina Carpinelli, Magistrato II sez. Civile Tribunale di Torre Annunziata, il compito di spiegare la “Struttura dell’illecito diffamatorio, il danno da diffamazione: la prova e la quantificazione del danno”.

Sono previsti anche gli interventi di giornalisti e inviati di media che quotidianamente raccontano il Paese e devono fare i conti con la necessità di contemperare il diritto dovere di cronaca con il rispetto della privacy e della reputazione altrui. Sono previsti gli interventi di Paolo Chiariello, direttore di Fortune Italia, Luca Abete, inviato di Striscia la Notizia e Claudio Silvestri, Componente della giunta esecutiva della FNSI e commissario dell’Unione nazionale cronisti italiani. (ANSA).

Advertisements