“Premio Biagio Agnes 2017” Consegnati i 16 riconoscimenti. Fiorello mattatore della premiazione.

0
110

Si è chiusa ieri, domenica 25 giugno, la IX Edizione del “Premio Internazionale del giornalismo Biagio Agnes 2017”. Ieri, nell’incantevole scenario di Marina Grande a Sorrento, si è tenuta la cerimonia di premiazione del “Premio Biagio Agnes 2017”. La manifestazione, presentata da Alberto Matano e Francesca Fialdini e ripresa dalle telecamere di Rai Uno, ha assegnato 16 riconoscimenti a illustri giornalisti e opinion leader che si sono contraddistinti per innovazione e professionalità.

Vorrei sottolineare- ha affermato Simona Agnes, Presidente della Fondazione Biagio Agnes –  che grazie alle varie iniziative promosse dalla Fondazione che presiedo è stata creata una rete che investe tutto il mondo della cultura e del sapere. Stiamo già lavorando alla prossima edizione del Forum Turismo e Cultura all’interno del quale come ogni anno sarà consegnato il Premio Biagio Agnes Turismo e Cultura. E ad ottobre si terrà la prima edizione del “Forum Medicina e informazione scientifica, all’interno del quale consegneremo il Premio Biagio Agnes per l’informazione medico-scientifica”.

Dall’economia alla cronaca fino allo sport senza dimenticare medicina e spettacolo. Sono stati i protagonisti della IX edizione del premio Biagio Agnes, l’ambito riconoscimento intitolato all’ex Direttore Generale Rai, ideato e promosso dalla Fondazione Biagio Agnes, presieduta da Simona Agnes che da sempre, sotto la spinta dell’insegnamento paterno, ha guardato con interesse il mondo dell’informazione.

Degli illustri ospiti spiccano le testimonianze del direttore di Bloomberg News, John Micklethwait, a lui la giuria ha riconosciuto il Premio Internazionale. Per Micklethwait il giornalismo riuscirà a sopravvivere ai mutamenti dell’era digitale conservando il ruolo essenziale di filtro tra mezzo e utente. Il Premio Stampa Periodica è stato attribuito al direttore di Panorama Giorgio Mulé, da una sua idea è nato il progetto Panorama d’Italia che è riuscito a promuovere il made in Italy in ogni ambito da nord a sud del Paese fino a sbarcare in America.

A Massimo Gramellini, che con “Fai bei sogni” ha venduto più di tutti nel 2012, un milione di copie, va il premio giornalista scrittore. Prima il Buongiorno e adesso il Caffè di Gramellini  sono tra i corsivi più letti dagli italiani.

La passione per la lettura e la politica l’hanno avvicinato al giornalismo, Mario Ajello de Il Messaggero vince il Premio della categoria Cronaca e Attualità. Un altro importante riconoscimento per il quotidiano romano che con Carla Massi si aggiudica anche la sezione Medicina e Informazione Scientifica. L’animo poliedrico e innovatore ne fanno di lui un personaggio amato e vincente. Lo showman Fiorello si aggiudica il Premio Nuove Frontiere con la trasmissione Edicola Fiore. In onda tutti i giorni su Sky Uno e su TV8. Nel segno dell’allegria e del buon umore.

A Carlo Conti consegnato uno dei 5 Premi Speciali previsti quest’anno dalla giuria presieduta da Gianni Letta. Il conduttore e presentatore toscano si è distinto per la scrittura e il successo delle ultime edizioni del festival di Sanremo da lui diretto. Gli altri quattro sono stati consegnati a Uno Mattina (per i 30 anni della messa in onda); Scarp de’ tennis, mensile di impegno sociale; Correo de Andalucia del gruppo Maldonado e Premio Speciale alla Memoria di Ettore Bernabei, storico Direttore Generale della Rai scomparso meno di un anno fa.

Il Premio alla Carriera quest’anno è stato riconosciuto a Gianni Clerici, il mancato tennista che ha saputo raccontare il tennis in chiave moderna tanto da coniare nuove parole e scoprire futuri campioni come l’americano Sampras.

Premio per la Carta Stampata al direttore de La Stampa Maurizio Molinari, esperto di politica estera dagli Usa al vicino Oriente. Nella categoria Under 35 trionfa Caterina Dall’Olio videomaker e inviata di Tv2000.

Il Premio per la Televisione va ad Alberto Angela, paleontologo, naturalista, divulgatore scientifico e scrittore italiano che attraverso il mezzo televisivo è riuscito a raccontare in modo innovativo mondi vicini e lontani.

Carmela Giglio, una vita a raccontare come inviata di Radio Rai, dai teatri di crisi e conflitti, attribuito il Premio per la Radio.

La Fondazione Agnes, in linea con lo spirito che la anima, anche quest’anno ha assegnato una borsa di studio ad un giovane giornalista praticante dell’Università Luiss Guido Carlo di Roma.

Appuntamento per l’anno prossimo con la X edizione del “Premio Biagio Agnes” tra continuità e innovazione.

LASCIA UN COMMENTO