I figli degli altri, 6 storie di minori abusati, presentazione del libro di Roberta Cappelluccio martedì 20 alla Biblioteca Nazionale.

0
168

“I figli degli altri”, 6 storie di minori abusati raccontate dalla psicologa Rosetta Cappelluccio: Il libro (Guida editori) è un’ occasione di dibattito martedì 20 febbraio 2018 alle ore 17.00 alla Biblioteca Nazionale di Napoli con l’autrice, lo scrittore Mauro Giancaspro, la giornalista Bruna Varriale, il magistrato Alfredo Guardiano, segretario generale dell’Associazione “Astrea “, il direttore della Biblioteca, Francesco Mercurio
Il libro nasce dall’urgenza di dare voce ai bambini vittime di violenza o abuso. Le storie inventate dalla Cappelluccio sono ispirate alle storie reali dei bambini violati, che non riescono a far sentire il loro grido d’aiuto ed ad esprimere la sofferenza in famiglia e nel sistema sociale.
Nel libro i protagonisti sono i bambini con i loro drammi ed i loro conflitti, i luoghi sono le mura domestiche, vissute non più come un ambiente sicuro, ma come una prigione piena di insidia. Gli imputati sono gli adulti, dagli abusatori che creano una relazione con il bambino per poi manipolarlo al fine di esercitare violenza , ai familiari , al contesto collettivo, che non prestano attenzione ai disperati segnali che i bambini in tutti modo lanciano. Famiglia, scuola, società allontanano da loro il problema, che avvertono come un elemento estraneo, riguardante “i figli degli altri”. La Cappelluccio denuncia quest’omertà che non ha connotazioni socio economiche o di istruzione, che si respira tra i palazzi grigi di alcuni quartieri degradati ma anche tra quelli medio alti , i racconti sono uno strumento per fare conoscere e sensibilizzare, ma innanzitutto per promuovere la cultura del diritto dei minori alla protezione dalla violenza.
Rosetta Cappelluccio, psicologa e psicoterapeuta, è nota al grosso pubblico per essere stata chiamata come consulente dal pubblico ministero che avviò le indagini sulla morte della piccola Fortuna Loffredo di Caivano .L’iniziativa è promossa sotto gli auspici del Centro per il Libro e la Lettura

LASCIA UN COMMENTO