La memoria dei corpi, Marina Di Guardo presenta il suo libro mercoledì 29 al Gran Caffè Gambrinus.

805
Villaggio turistico camping Golden Beach a Paestum nel Cilento direttamente sulla spiaggia

Napoli è uno stato mentale: fa crollare tutte le tue certezze per riempirti di contrasto, bellezza, umanità.” Marina Di Guardo

Mercoledì 29 maggio alle ore 18.30 tornano le iniziative letterarie allo storico Caffè Gambrinus.

La scrittrice Marina Di Guardo presenta a Napoli il suo ultimo libro “La memoria dei corpi” (Mondadori, 264 pagine, 18 euro), un noir pieno di suspense e colpi di scena.

Alla presenza del Vicesindaco della Città Metropolitana di Napoli Francesco Iovino e dell’Assessore alle Pari Opportunità Mariangela Notaro, i giornalisti Nello Fontanella, Alessandro Iovino e Beatrice Gigli, l’avvocato Giuliana Albarella, l’ingegnere Ettore Nardi, il dirigente scolastico Domenico Ciccone, il dott. Walter Savarese e la dott.ssa Benedetta D’Amico, dialogheranno con la scrittrice in un susseguirsi di domande e riflessioni di quello che c’è dentro e intorno al libro.

La presentazione letteraria si avvale del sostegno di autorevoli e importanti aziende italiane:

  1. Marinella, che dal 1914 è sinonimo di classe ed eleganza Made in Italy; la libreria Mondadori Bookstore Libri e professioni; il ristorante Fiorenzano; Lenzuolissimi, primo monomarca al mondo di sola biancheria da letto; Istituti Scolastici Iervolino, presenti su tutto il territorio; 7ettanta6ei Gallery, galleria d’arte milanese che promuove, attraverso un’importante rete commerciale, la cultura in tutta Italia.

Sinossi

Giorgio Saveri non ha nemmeno quarant’anni ma sulle spalle ha accumulato abbastanza delusioni da ritirarsi a vivere nella magione di famiglia, una lussuosa e antica villa sulle colline piacentine ricca di opere d’arte.

Unico contatto con il mondo è Agnese, la domestica che l’ha cresciuto al posto della vera madre, una donna algida morta molti anni prima in un incidente stradale, e del padre dispotico, che fino al giorno del suo suicidio non ha mai perso occasione di denigrarlo pubblicamente. Tutto cambia la notte in cui Giorgio si imbatte nella fascinosa Giulia, che ha il dono di capirlo come mai nessun’altra persona prima ma che di sé racconta poco, e che lo imbriglia in una relazione ambigua e ad alto tasso erotico. Quando però Agnese scompare nel nulla, Giorgio non ci sta, e inizia a indagare. Presto, il cerchio intorno alle bugie di Giulia si stringe, ma lei non è l’unica a nascondere segreti.

 

Marina Di Guardo

Marina Di Guardo è nata a Novara ma ha origini siciliane e

vive a Cremona; è autrice di romanzi, soprattutto di genere thriller. Ha lavorato come vicedirettrice dello showroom di Blumarine, prima di dedicarsi alla scrittura.

Ha esordito nella narrativa nel 2012 con il romanzo L’inganno della seduzione, pubblicato dalla casa editrice Nulla Die. È seguito, sempre per lo stesso editore, Non mi spezzi le ali (2014). Nel 2015 ha pubblicato nella collana digitale ZoomFiltri di Feltrinelli, curata da Sergio Altieri, Bambole gemelle. Dall’editore Feltrinelli, per i cinque anni della collana Zoom, è stata inserita anche nella raccolta che contiene quindici testi dei migliori autori della collana; insieme a lei compaiono Stefano Benni, Raymond Chandler, Marina Cvetaeva, Erri De

Luca, James Joyce, Osho, Banana Yoshimoto, Paolo Di

Paolo e altri. Nel 2016 pubblica per la Delos Books di Franco Forte l’ebook Frozen bodies. Nel 2017 passa a Arnoldo Mondadori Editore e pubblica il romanzo Com’è giusto che sia. L’opera ha portato l’autrice in giro per l’Italia in numerose presentazioni ed è stata definita dal critico Gian Paolo Serino come la rivelazione dell’anno. Il 15 gennaio 2019, sempre per Mondadori, pubblica il romanzo thriller La memoria dei corpi.

 

Advertisements