Punto di svolta, presentazione del libro di Alessandro Antonaia a Portici

Dopo il successo del 2023 Vittoria Assicurazioni, in occasione del Torneo Italiano di Beach Rugby, torna sulle spiagge d’Italia con il Vittoria for Women Tour con Federazione Italiana Rugby e Specchio dei tempi. In ogni tappa sarà possibile sostenere la lotta contro i tumori femminili con una donazione, fare una visita senologica gratuita e divertirsi al Vittoria Village.

Sabato 22 giugno, alle ore 18.00, presso Villa Fernandes a Portici, si terrà la presentazione del libro Punto di svolta di Alessandro Antonaia.

L’evento vedrà l’autore dialogare con la giornalista e critico teatrale Ileana Bonadies, offrendo al pubblico un’occasione per approfondire le vicende di Francesco, protagonista del romanzo, ed esplorare i suoi rapporti familiari, l’amicizia con Piero e le sue passioni per il jazz e la poesia, in un intreccio di episodi passati e presenti che delineano un percorso di crescita personale e di riflessione.

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

La serata sarà arricchita dagli intermezzi musicali del violoncellista Gianfranco Coppola, che accompagneranno la lettura di alcuni brani tratti dal romanzo e che saranno a cura dell’attore Giuseppe Giannelli.

Il libro

Punto di Svolta, edito da Graus Edizioni per la collana Tracce, è un romanzo che affronta temi importanti per l’esistenza umana quali l’amicizia, l’amore per una donna e un figlio, l’interrogarsi su se stessi e sugli eventi scatenanti che, nel bene e nel male, formano e segnano i percorsi di vita.

Il romanzo racconta la storia di Francesco, insegnante di Storia e Filosofia di un liceo di Napoli, perennemente tormentato da un ego altalenante, riluttante a un sano bilanciamento tra pulsione e limite, sempre intento a valutare impietosamente fatti e persone, a cominciare da se stesso. Esprime ciò che pensa senza filtri e senza temere il giudizio degli altri.

Ormai prossimo ai cinquant’anni e giunto sulla soglia del nuovo millennio, attraverso ripetuti flashback riavvolge il nastro della sua vita facendo riemergere alcuni accadimenti che ancora lo interrogano e lo inquietano.
Francesco è particolarmente legato a Piero, conosciuto durante gli anni universitari, in un epoca che ha per sfondo le turbolenti piazze degli anni ’70. Piero è figlio di contadini, iscritto alla facoltà di Medicina, perennemente fuori corso. In opposizione a Francesco, Piero si caratterizza per la concretezza del fare. In teoria, Francesco e Piero sono agli antipodi eppure li lega una profonda amicizia. L’iniziale diffidenza creata dalla loro diversa estrazione sociale e da visioni della vita apparentemente contrastanti si tramuta in un rapporto di equilibrio quasi perfetto. Un rapporto che si dimostrerà ancor più solido nel momento in cui Piero, duramente colpito da ingiustizie e sofferenze,  avrà bisogno di tutto l’affetto e la vicinanza di Francesco.
Quasi come un racconto parallelo, il rapporto di Francesco con la sua compagna è descritto intensamente, soffermandosi principalmente sugli aspetti psicoanalitici. La lunga storia sentimentale con Sara è una complicata traversata sul mare agitato di percezioni e passioni mutevoli, dove il non detto è il connotato principale della loro relazione.

I protagonisti di questa storia sono ben rappresentati nelle epoche che hanno vissuto. A seconda degli anni e degli avvenimenti sociali e politici che inevitabilmente riflettono la vita privata, assistiamo all’evoluzione di ognuno di loro. A partire dai turbolenti anni ’70 per proseguire con i confusionari anni ’80 e giungere verso la fine degli anni ’90 e inizio 2000 con maggiori consapevolezze e con una maturità che prova a rispondere agli interrogativi del passato.

Punto di svolta riflette la complessità dei rapporti umani e le sfide dell’identità personale. Attraverso il ritratto intimo di Francesco vengono affrontate anche le sfide della gioventù e le incertezze sul futuro. La prosa introspettiva dell’autore

accompagna il lettore in un viaggio alla scoperta di sé e offre una visione onesta delle nostre lotte interiori.