Storie di croncaca nera nel libro “Golfo Insanguinato”. Il criminologo Fabio Delicato sottopone ai lettori sette casi avvenuti in Campania, giovedì 24 al chiostro di San Domenico Maggiore.

304
Villaggio turistico camping Golden Beach a Paestum nel Cilento direttamente sulla spiaggia

Nella splendida e suggestiva cornice del Chiostro di San Domenico Maggiore di  Napoli, giovedi 24 giugno Fabio Delicato presenta il libro “Golfo Insanguinato” (Turisa editrice), una riedizione con  il contributo di saggi a cura di Armando Palmegiani e Immacolata Giuliani.

A partire dalle ore 17  con l’autore, esperto e attento criminologo, interverranno l’avv. Raffaele Piccirillo, penalista, Alessia Schisano, avvocato familiarista e il giornalista Ugo Maria Tassinari. A moderare l’evento il giornalista e direttore di Gazzetta di Napoli, Pietro Pizzolla.

Dati, documenti, ricostruzioni, interviste condurranno il lettore all’interno di storie di follia, vendetta, ambizione e mistero. Dalle tracce biologiche su un reperto, a chi può averlo manipolato, dai campioni salivari fino al lavoro sul cadavere: da qui il via ad un’indagine scientifica partendo proprio dalla scena del crimine.

Storie di sangue di Napoli e provincia che vengono narrate e documentate. Storie affascinanti e ‘coreografiche’ per stanare l’omicida talvolta rimasto impunito. Cosa si cela dietro un processo, un’analisi del DNA, un perizia psichiatrica? A questi interrogativi, viene in aiuto la criminologia, una scienza multidisciplinare che prevede elementi di psichiatria, antropologia, medicina legale, giurisprudenza, psicologia.

Sette i casi emblematici dal forte impatto ‘rivoluzionario’ del crimine, che l’autore Fabio Delicato, ricostruisce fedelmente e con dettagli,  offrendo una nuova indagine tecnica e scientifica. Un’analisi la sua, dei crimini avvenuti nel passato effettuata attraverso la lettura di fonti storiche e sui materiali d’archivio, definendone il profilo psicopatologico di coloro che,  senza scrupolo, hanno commesso violenze. Si snodano aspetti contraddittori, si analizza la  vulnerabilità delle nostre menti, e le motivazioni che spingono a compiere con ferocia  un delitto. Un affresco della cronaca nera partenopea di ieri e di oggi. Un libro accattivante, consigliato perché investiga la materia del crimine con metodo e rigore.

 

 

Sabrina Ciani

Advertisements