Storie e caratteristiche della fantasia e dell’immaginazione con il fantasiologo Massimo Gerardo Carrese, giovedì 22 alla Libreria Il Mattoncino di Giugliano.

0
287

Che cos’è la fantasia? Che relazione c’è tra un calendario e un cane? E tra una pesca e l’infinito? E che cosa c’entra Picasso con le costellazioni? Stravaganti domande, almeno a prima vista, che però riservano una risposta logica. Di che si tratta?

Lo si potrà scoprire giovedì 22 marzo, dalle ore 17 alle ore 19 alla Libreria il Mattoncino di Giugliano (via Giulio Starace 37). Bambini dai 7 ai 9 anni, con i loro genitori, incontreranno il fantasiologo Massimo Gerardo Carrese, studioso di Storie e caratteristiche della fantasia e dell’immaginazione che presenta la sua nuova attività laboratoriale dal titolo, già tutto un programma, “Mi manca un venerdì”. È un incontro interattivo dedicato al gioco fantasiologico, un modo di esplorare e di conoscere quello che ci circonda: con le parole, nelle parole, oltre le parole. Possono partecipare i bambini dai 7 ai 9 anni e i loro genitori. «In Mi manca un venerdì ci occupiamo di piccole cose quotidiane, scrive il fantasiologo Carrese, come una pallina da basket. Cose che guardiamo con il gioco del far finta, con lo straniamento, soprattutto con il gioco della dimostrazione. Pensiamo. Scriviamo. Riflettiamo con giochi linguistici, matematici, spaziali. Sono studi, giochi e ricerche ideati da me e dedicati a fantasia, immaginazione, creatività. Dalle cose che trovo nel luogo in cui si svolge l’incontro, continua Carrese, invito i bambini e i genitori a spaziare con sguardo fantasiologico, il che vuol dire in modo divertente e istruttivo, nelle discipline umanistiche, scientifiche, ludiche, artistiche, nei diversi aspetti del vivere quotidiano e nel fantastico». Il fantasiologo Carrese è uno studioso di fantasia, immaginazione e di creatività e da anni si occupa di fantasiologia, che divulga in ambito scolastico, universitario e sociale, anche all’estero. «Il bambino, continua lo studioso, con Mi manca un venerdì fa esperienza sulle relazioni (associazioni), sulle possibilità (fantasia), sulle azioni (immaginazioni), sugli usi (creatività), sulle irrealtà (fantasticherie), sul mondo in cui vive (realtà). Sperimenta con occhi rinnovati la realtà che lo circonda da guardare con curiosità e dubbio.» I genitori o gli accompagnatori sono invitati a partecipare all’attività laboratoriale che dura 2 ore. Per tutte le info sulla quota di partecipazione libreriailmattoncino@gmail.com . www.fantasiologo.com 

LASCIA UN COMMENTO