Dermatologia, le nuove frontiere, il convegno a Palazzo Salerno.

0
292

Terapie biotecnologiche innovative per la cura della psoriasi e di altre malattie cutanee e gli interventi di dermo-cosmesi sui pazienti oncologici che subiscono danni cutanei per gli effetti collaterali della chemioterapia.

Queste le tematiche salienti del convegno Il Nuovo Volto della Dermatologia 2.0 iniziato ieri, 28 novembre e in corso fino a domani, 30 novembre, a Palazzo Salerno di Napoli, promosso e organizzato dalla sezione di Dermatologia del Dipartimento di Medicina clinica e Chirurgia dell’Università Federico II di Napoli, con la direzione scientifica dei professori Mario Delfino e Gabriella Fabbrocini.

Alla manifestazione è intervenuto anche il Rettore dell’Università degli studi di Napoli “Federico II” Gaetano Manfredi: “La collaborazione tra sistema universitario e sistema sanitario è necessaria per garantire un’assistenza migliore alle persone. Lo si può fare solamente attraverso la qualità della ricerca avanzata, della formazione e l’impegno delle nuove generazioni”.

Parlando di terapie innovative, i farmaci biosimilari, simili per caratteristiche ai farmaci biologici già in commercio, stanno cambiando la storia clinica e il decorso della psoriasi, patologia di cui soffre il 3% della popolazione italiana, 30% nella forma moderata-grave, oltre 170.000 pazienti nella sola regione Campania.

La malattia psoriasica va infatti trattata non soltanto dal punto di vista cutaneo ma “gestendo anche le comorbidità, ovvero la presenze di altre patologie ad essa connesse, dal momento che il 45% dei pazienti ha avuto più di dieci recidive e il 51% non è mai guarito completamente – afferma la Professoressa Gabriella Fabbrocini – da qui in avanti tante molecole saranno messe in commercio e il futuro per dermatologi e pazienti non è ancora compiuto”.

Un punto di riferimento per il Mezzogiorno, dedicato ai pazienti con una patologia oncologica, è rappresentato dall’Ambulatorio “Il Corpo Ritrovato”, nato per contrastare le conseguenze di terapie temporaneamente invalidanti e offrire un supporto che va dall’estetica medica fino al counselling psicologico.

LASCIA UN COMMENTO